BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SULMONA/ Agente di Polizia uccide figlia e si consegna

La 25enne era madre di una bimba di due anni. L’uomo è entrato con la sua auto nel commissariato dove è stato ritrovato il corpo della giovane

Un agente di Polizia penitenziaria in pensione, il 53enne Vincenzo Marruccelli, ha ucciso la figlia Irene con un colpo di pistola a Sulmona, nell'Aquilano. Il corpo della giovane è stato trovato nel commissariato di polizia dove l'uomo è entrato con la sua auto, una Fiat Bravo. Marruccelli è ora interrogato: a quanto pare era stato riformato per motivi di depressione. La vittima - madre di una bimba di due anni - è morta poco prima dell'arrivo del personale medico del 118.
L'uomo sarebbe entrato nel cortile del commissariato con la sua auto, a bordo della quale c'era la figlia venticinquenne moribonda. Le aveva infatti sparato poco prima in casa, davanti alla madre, un colpo con la sua pistola, peraltro regolarmente detenuta. Giunto davanti ai poliziotti, resosi conto della gravità delle condizioni della giovane, Marruccelli avrebbe tentato di spararsi con la stessa arma. Ha poi desistito, gettando la pistola fuori dalla macchina.
A quel punto sono intervenuti gli agenti, che lo hanno prelevato conducendolo negli uffici del commissariato. I rilievi sono stati eseguiti dalla squadra scientifica del commissariato sotto il controllo del procuratore della Repubblica di Sulmona, Federico De Siervo.
La salma di Irene Marruccelli è stata portata all'obitorio dell'ospedale di Sulmona, per essere sottoposta a esame autoptico.© Riproduzione Riservata.