BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TERREMOTO TOSCANA/ Scossa di 4.2 gradi al Mugello, panico tra la gente ma nessun danno

Un terremoto di magnitudo 4.2 è stato registrato alle ore 22:04 dagli strumenti della Rete Sismica Nazionale dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nel distretto sismico del Mugello

SismografoR375.jpg (Foto)

Un terremoto di magnitudo 4.2 è stato registrato alle ore 22:04 dagli strumenti della Rete Sismica Nazionale dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nel distretto sismico del Mugello.

 

Fino a questo momento (le 00:30 del 15 settembre) sono state registrate circa 20 repliche, tutte di magnitudo inferiore a 2.8. Il terremoto è stato localizzato nel punto di coordinate 44.01N – 11.28E, ed è stato risentito estesamente nelle province di Firenze, Prato, Pistoia, Modena e Bologna. Tutti i terremoti della sequenza sono avvenuti a profondità comprese tra 3 e 9 km. Il meccanismo focale della scossa principale indica una faglia normale (o estensionale) con piani di faglia orientati nordovest-sudest, coerente con i terremoti precedenti e con le conoscenze dell’assetto tettonico della regione.

 

Una sequenza con caratteristiche analoghe a quella in corso si era verificata nella stessa zona nel marzo 2008, quando vennero localizzati tre eventi di magnitudo tra 4.4 e 4.1 nell’arco di poche ore. Rispetto agli eventi del 2008, la sequenza odierna si localizza circa 5 chilometri più a sudest, verso il bacino del Mugello. Negli ultimi mesi la zona ha fatto registrare una sismicità di bassa magnitudo, generalmente inferiore a 2.5, con una media di circa 10 terremoti ogni mese.

 

L’area interessata dalla sequenza è stata interessata in passato da forti eventi sismici. Si ricorda in particolare quello avvenuto nel 1919, con Intensità massima del nono grado Mercalli (MCS) e avvenuto circa 15 km a est rispetto a quello del 14 settembre 2009.

 

L’INGV segue con attenzione l’evolversi della sequenza, che al momento registra una diminuzione del numero orario di scosse.

 

La profondità dell'epicentro della prima scossa di terremoto, è stata localizzata a soli 3.5 km di profondità e questo ha amplificato l'effetto sul territorio circostante spingendo molte persone ad abbandonare le proprie abitazioni in preda alla paura.

 

Tuttavia, fortunatamente, la protezione civile ha fatto sapere che non ci sono stati danni a persone o a cose.

 

I comuni entro i 10Km dall'epicentro sono: BARBERINO DI MUGELLO (FI), SAN PIERO A SIEVE (FI), SCARPERIA (FI).

 

Tuttavia la scossa si è distinta chiaramente anche nei seguenti comuni entro i 20 km dall'epicentro: CASTIGLIONE DEI PEPOLI (BO), BORGO SAN LORENZO (FI), CALENZANO (FI), FIRENZUOLA (FI), SESTO FIORENTINO (FI), VAGLIA (FI), VICCHIO (FI), CANTAGALLO (PO), VAIANO (PO), VERNIO (PO).

© Riproduzione Riservata.