BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

TAR LAZIO/ La sentenza-bluff per sabotare il testamento biologico

tar_lazio_targa_R375.jpg(Foto)

 

Peraltro a proposito di tale pronuncia sono state dette e scritte tante e tali inesattezze (per utilizzare un termine “asettico”), da rendere opportuno in primo luogo chiarire il contenuto e la portata della sentenza stessa.  

 

La sentenza non ha affatto accolto il ricorso del Movimento Difesa del Cittadino, né ha in alcun modo annullato l’atto di indirizzo del Ministro Sacconi.  

 

Con la pronuncia in questione il TAR Lazio ha infatti dichiarato il proprio difetto di giurisdizione sul ricorso, ossia ha affermato che le questioni sollevate con lo stesso avrebbero dovuto essere proposte al Giudice Civile e non al TAR, in quanto si tratterebbe di questioni riguardanti diritti personali soggettivi.  

 

Dunque la sentenza non ha riconosciuto un supposto diritto ad ottenere l’interruzione dell’alimentazione e dell’idratazione per i soggetti in Stato Vegetativo Persistente, dato che tale valutazione spetterebbe appunto soltanto al Giudice Civile.  

 

E’ poi del tutto improprio affermare che il TAR Lazio avrebbe “bocciato” la legge sul fine vita attualmente in discussione.  

 

Il Giudice Amministrativo, così come la generalità dei Giudici, è anzitutto chiamato ad applicare correttamente la legge e non può discostarsi da essa; non può in alcun modo “bocciare” una legge (figuriamoci un disegno di legge!) nemmeno se ritiene che la stessa sia incostituzionale, dato che in tal caso può soltanto investire della questione la Corte Costituzionale, alla quale spetta in via esclusiva la decisione circa la costituzionalità delle leggi.  

 

Invero quella del TAR Lazio è una sentenza non avente portata vincolante nei confronti di alcun soggetto ed in special modo del Parlamento, né dei provvedimenti legislativi che lo stesso dovrà approvare.  

 

Chiarito quanto precede, vi sono comunque aspetti della sentenza che destano perplessità.  

 

Anzitutto la circostanza che, benché abbia dichiarato il proprio difetto di giurisdizione e quindi l’impossibilità di pronunciarsi in merito, il TAR Lazio ha sviluppato una serie di considerazioni che di fatto “suonano” a sostegno della tesi dell’esistenza di un diritto soggettivo al distacco del sondino, senza nemmeno prendere in esame le argomentazioni in senso contrario.  

 

Particolarmente significativo in tal senso è che, senza esplicitare né tanto meno giustificare tale posizione, la sentenza ha equiparato la nutrizione e l’idratazione artificiali ai trattamenti sanitari.  

 

Così trascurando non solo il dibattito particolarmente intenso che è in corso su questo argomento, ma anche la stessa formulazione dell’art. 25 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dei disabili, pur richiamato nella sentenza, che impone agli Stati Parti di “prevenire il rifiuto discriminatorio di assistenza medica o di prestazione di cure e servizi sanitari o di cibo e di liquidi in ragione della disabilità” e che dunque indica chiaramente che l’alimentazione e l’idratazione anche artificiali non sono da considerarsi trattamenti sanitari.  

 

C’è soltanto da augurarsi che la sentenza in questione e le letture distorte che ne sono state date non finiscano per ritardare ulteriormente l’approvazione di una legge sul fine vita ormai da troppo tempo attesa.

© Riproduzione Riservata.