BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCIOPERO/ Sicilia: i pediatri incrociano le braccia per 48 ore, dal 1 al 2 ottobre

Pubblicazione:mercoledì 30 settembre 2009

È sbigottito l’assessore regionale alla Sanità della Sicilia, Massimo Russo. La decisione della Fimp, federazione medici pediatri ha deciso di confermare lo sciopero di 48 ore annunciato nei giorni scorsi. Lo sciopero è previsto per i giorni 1 e 2 ottobre. Motivo è l’influenza H1N1, la cui diffusione prossima a quanto pare sarebbe stata male affrontata dal punto di vista organizzativo. Così ha commentato l’assessore: «Leggo con sorpresa che i pediatri aderenti alla FIMP hanno confermato lo sciopero di due giorni per l’1 e il 2 ottobre. Sorprende soprattutto la durezza dei toni utilizzati nel comunicato e il tentativo di creare allarmi ingiustificati in relazione all’influenza H1N1. Tale decisione, infatti, contrasta palesemente con l’esito, giudicato unanimemente più che positivo, dell’incontro che abbiamo avuto giovedì scorso con le organizzazioni sindacali della pediatria siciliana per risolvere alcuni problemi legati alla mancata applicazione del precedente accordo regionale e per delineare i nuovi scenari di concertazione per il prossimo accordo». «Gli stessi delegati sindacali – ha spiegato Russo - hanno riconosciuto la piena disponibilità dell’assessorato che tra l’altro sta lavorando da tempo nella direzione di una maggiore valorizzazione della pediatria territoriale per una migliore assistenza alla popolazione siciliana. Abbiamo anche cominciato ad affrontare i temi relativi all’associazionismo, ai collaboratori di studio e alle nuove forme di continuità assistenziale mirate a garantire una più efficace azione preventiva ed una maggiore presenza oraria dei pediatri con l’obiettivo di ridurre i ricoveri ospedalieri. Resta la mia piena disponibilità ad individuare idonee soluzioni ma mi auguro che venga immediatamente ripristinato un clima costruttivo necessario per portare avanti il tavolo di concertazione».



© Riproduzione Riservata.