BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DOSSIER MANI PULITE/ Di Pietro 007 per la Cia. L'ex Pm: "Un bidone del solito giornale"

dipietro_antonioR375_8giu09.jpg (Foto)

LA VERSIONE DI DI PIETRO - A detta del leader dell’Italia dei Valori Antonio Di Pietro, la verità sarebbe «molto più lineare e banale. All’epoca» - spiega Di Pietro - «io ero un magistrato inquirente che svolgeva le indagini, chiedeva arresti e poi li faceva eseguire». Il che veniva realizato operativamente «dai Carabinieri e dalla Polizia di Stato, ovviamente, ed anche dalla Guardia di Finanza. Il colonnello Mori e il questore Contrada erano appunto esponenti di primo piano dei predetti organi ed è sicuramente capitato» afferma Di Pietro «che a volte abbia chiesto anche agli Uffici da loro diretti, oltre ad una miriade di altri, di svolgere accertamenti e di eseguire provvedimenti»i.
 

© Riproduzione Riservata.