BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ROSARNO/ L'Italia legale riparte dalla rivolta degli "ostaggi"

Rosarno_Scontri_ImmigratiR375.jpg(Foto)

Chi raccoglie adesso le arance a Rosarno? Quali nuovi caporali sono emersi?… O erano già pronti? È solo un problema di rispettare nuovi accordi e nuove convenienze? Oppure, per evitare troppo clamore, i proprietari terrieri si affideranno alle leggi di settore, che permettono di avere dei finanziamenti senza raccogliere i frutti? Certamente come ogni buona azienda, anche illegale, bisogna fare i conti con il business. Bisognerebbe mantenere aperte le telecamere in modo oggettivo sugli sviluppi, certamente silenziosi, della vicenda. Meglio se, con un’azione investigativa di contrasto e non giornalistica, si riscontrasse la verità sul luogo del “delitto” con delle indagini tradizionali, silenziose ed efficaci. 

 

E ancora una domanda: ma chi raccoglie le mele in Trentino? Di qualsiasi colore siate, buon lavoro a… chi ce l’ha! Ed un saluto a chi attende la rinascita di un contesto legale, con uno Stato artefice e protagonista, con un lavoro regolare ed effettuato non solo se conosci o appartieni. Speriamo che la cronaca di Rosarno sia una vera scossa per l’Italia e non la solita visione stigmatizzata di un problema solo meridionale. Per concludere… l’Italia, porta dell’Europa per l’immigrazione dal sud del mondo, ha bisogno di essere protagonista e punto di riferimento per le altre nazioni europee e non un esempio in negativo. 

 

La realizzazione dei Centri di raccolta di informazione e di studio delle problematiche di disgregazione sociale, terroristico-malavitose con connessioni internazionali, comportano dei costi di realizzazione. Bisogna investire per garantire la massima sicurezza possibile al Paese, ai cittadini autoctoni ed a quelli stranieri in regola con le leggi. Se non agiremo così, si continueranno ad applicare solo e soltanto dei cataplasmi, si proseguirà con azioni varie, sconnesse, scoordinate, incoerenti e fini a se stesse, arrecando danni all’unità nazionale e senza mai risolvere problemi reali né sanare la nostra Nazione.

© Riproduzione Riservata.