BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SARAH SCAZZI/ Agnoli (Il Foglio): anche l’assassinio rende ragionevole credere in Dio

Pubblicazione:lunedì 18 ottobre 2010

sarahscazzi_sabrinaR400.jpg (Foto)

IL CASO SARAH SCAZZI E L’ESISTENZA DI DIO - Secondo Francesco Agnoli anche l’efferato omicidio di Sarah Scazzi contiene elementi che rendono ragionevole credere nell’esistenza di Dio.


In un articolo pubblicato su Il Foglio il 14 ottobre Francesco Agnoli riflette sul caso di Sarah Scazzi. Riconoscendo che anche in esso esistono degli elementi che rendono ragionevole creder in Dio. «Ragioni, sia chiaro – dice Agnoli - che sono ben più evidenti nel contemplare un figlio che nasce e che cresce, la gioia di una persona amata, un amico i cui gesti ci costringono a ringraziare Dio, fonte di ogni Bene». Ma che, nel caso di Avetrana, ci parlano «Dio, e del suo Nemico. Li vedo entrambi: vedo la potenza del Male, la sua opera mostruosa e distruttiva che porta l’uomo a raggiungere, già qui, l’abisso dell’Inferno. Ma scorgo anche Dio, o meglio la sua assenza, nel cuore di quell’uomo che bramava felicità in un corpo morto, ucciso da lui stesso».

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO 


  PAG. SUCC. >