BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SARAH SCAZZI/ Gad Lerner: il delitto di Avretana? La famiglia è il principale agente criminogeno della società

sarahscazzi_sabrinaR400.jpg(Foto)

 
Non solo: tra «genitori e figli, o tra fratelli, l’amore non è garantito dal sangue in comune», «il vincolo parentale non ci preserva dai peggiori istinti ma talvolta li alimenta, specie quando il legame stringe come una catena», afferma. Certe pulsioni distruttive, poi, non rappresenterebbero casi isolati. «La rimozione, l’inconsapevolezza, il venir meno della confidenza riempiono di zone oscure tutte le famiglie, nessuna esclusa». Questo perché ogni nucleo familiare, prima o poi, ha a che fare con «il dolore, la malattia, la morte, e innumerevoli altre manifestazioni del male». Per non lasciarsi soffocare dal male sono necessarie «virtù razionali - conclude - le più faticose da apprendere e insegnare, non solo buoni sentimenti».

 

Leggi anche: SARAH SCAZZI/ Meluzzi: è nato il "Criminality" e Sabrina ne è la prima vittima...

 


Leggi anche: SARAH SCAZZI/ La prevalenza della realtà su Disneyland, finta "societa perfetta"

© Riproduzione Riservata.