BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SARAH SCAZZI/ I carabinieri a casa Misseri. Una telefonata: Michele Misseri all’ora dell’omicidio dormiva

Sopralluogo dei carabinieri a casa Misseri. Si cerca la corda che strozzò Sarah

sarahscazzi_R400.jpg (Foto)

I carabinieri sono tornati ad Avetrana per fare un nuovo sopralluogo nella abitazione della famiglia Misseri. Tra le ultime ipotesi delle indagini c’è anche quella che l’omicidio di Sarah sia avvenuto in casa e non nel garage come è stato detto fino ad oggi. Indiscrezioni vorrebbero che i carabinieri stiano cercando la corda con cui è stata strangolata la cugina di Sabrina.

Ci sono poi nuove indiscrezioni che potrebbero far cambiare nuovamente il corso delle indagini. Sabrina infatti potrebbe aver ucciso Sarah da sola. Quello che dovrebbe essere il miglior amico di Michele Misseri, Cosimino detto anche Mimmino, che vive poco distante dalla cisterna dove è stato gettato il cadavere di Sarah, ha infatti dichiarato che all’ora della morte di Sarah, Michele sicuramente dormiva. “A quell’ora Michele dormiva. Lui si alza sempre alle tre e mezza di mattina per andare a lavorare nei campi e al pomeriggio tutti i giorni dorme due, tre ore”.

Gli inquirenti sono arrivati a queste parole tramite le intercettazioni di migliaia di ore di telefonate. Ne sono alquanto convinti, tanto che uno degli inquirenti ha detto: «Per noi è più che plausibile che sia andata in questo modo». Ci sono poi le parole di Ivano, l’amico di Sabrina, che tira in causa la mamma di Sabrina, Cosima. La donna avrebbe sempre saputo dove si trovava il corpo di Sarah: "Sabrina voleva vedere con i suoi occhi, c'era anche Alessio con noi, e ricordo che sbagliammo strada per due volte; poi lei telefonò a sua madre Cosima che le indicò esattamente il punto preciso".