BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIEFFE/ Debellini: Un’inchiesta alla Why not frutto di pm come De Magistris

«Questo è un rinvio a giudizio e non una sentenza, come ha ricordato oggi il Gup alla fine dell’udienza – ci tiene a sottolineare Debellini -. L’indagine è durata quattro anni. Questa è la nostra legge, va accettata e rispettata, ma sono certo della mia innocenza»

debelliniR400.jpg (Foto)

«E' un rinvio a giudizio che nasce da un’inchiesta nello spirito di Why not e del giudice De Magistris». Lo afferma Graziano Debellini in seguito alla decisione del Gup di rinviare a giudizio lui e le altre nove persone implicate nell’inchiesta sui corsi di formazione della cooperativa Dieffe di Padova. «Questo è un rinvio a giudizio e non una sentenza, come ha ricordato oggi il Gup alla fine dell’udienza – ci tiene a sottolineare Debellini -. L’indagine è durata quattro anni, e si è basata su centinaia di interrogatori e 20mila pagine di inchiesta. Questa è la nostra legge, va accettata e rispettata. Sono così certo della mia innocenza e di quella degli altri imputati che non ho nessun timore ad affrontare questo ennesimo passo della giustizia che è il processo che inizierà a marzo».

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE LE DICHIARAZIONI DI GRAZIANO DEBELLINI