BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SARAH SCAZZI/ Intervista a Barbara Palombelli: “Il male è dentro di noi, accanto a noi ma il perdono è possibile”

Barbara Palombelli Barbara Palombelli



Che cosa l’ha spinta a scrivere quella lettera?

Sarah somiglia moltissimo alla mia figlia più piccola. Sono bionde, piccoline, magre, hanno voglia di crescere in fretta ma alternano i vampiri ai pelouche. Credono di sapere tutto e non sanno niente... Mi ha sempre fatto una grande impressione questa somiglianza, quando sono negli studi televisivi a volte mi commuovo.

Diversi esponenti dei media hanno detto che non è una cosa piacevole, ma i media danno alla gente ciò che la gente vuole. Qual è il giusto modo per affrontare mediaticamente casi come quello di Sarah Scazzi?

È chiaro che dobbiamo continuare a investigare... E il dramma di Sarah potrebbe perfino aiutare a vigilare di più sulle nostre creature, sulle persone insospettabili che spesso sono proprio le più pericolose. Tuttavia, certi pregiudizi e alcuni dettagli volgari potrebbero infangare la memoria di una vittima. Ma qui, in Italia, i morti della cronaca non riposano mai in pace e, non esiste alcun diritto all'oblio.


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE L'INTERVISTA A BARBARA PALOMBELLI