BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SARAH SCAZZI/ Lo zio assassino ora sogna la nipote tutte le notti. «Mi dice “Coprimi, ho tanto freddo”»

misseri-zio-sarah-scazzi-r400.jpg (Foto)

 

 

IL SOGNO DI SARAH - Mentre portava i carabinieri del maresciallo Viva fino alla tomba della nipote, Misseri non avrebbe lasciato trapelare nessuna emozione. E quando parlava dei sospetti su di lui si infervorava: «Che c... vogliono questi da me?». Pochi giorni prima di confessare tutto, Misseri aveva raccontato ai giornalisti: «Mi pare di vederla Sarah quando veniva quaggiù da me, a chiamarmi per il pranzo: "Zio, è pronto, vieni"...». Un mistero anche il motivo per cui Misseri ha bruciato i vestitini di Sarah e si è tenuto per oltre un mese il suo cellulare, facendolo poi ritrovare in modo così grottesco.

 

«L'ho sognata queste sere Sarah, due, tre volte di seguito: mi diceva zio coprimi, ho tanto freddo. L'ho sognata così tante volte che ora vorrei morire: non ce la faccio più, basta». Come rivela Repubblica, è iniziata così la confessione di Misseri. Misseri ha prima negato, sminuendo le tre diverse intercettazioni ambientali nelle quali persino le sue figlie manifestavano dubbi su di lui. Poi è crollato e ha ammesso tutto. Un pentimento, almeno apparente, preceduto dalla consegna ai carabinieri del cellulare di Sarah, un gesto che lo ha tradito.


IL PARERE DELLO PSICOANALISTA RISE’ - «Un desiderio inconscio di espiazione legato ai suoi sensi di colpa», lo interpreta così Claudio Risé, psicoanalista e professore dell’Università Bicocca, intervistato da Ilsussidiario.net. Per Risé, Misseri non è uno psicopatico ma una persona «normale». E il suo delitto si può spiegare soltanto con il mistero del male. Probabile che il suo raptus sia esploso all’improvviso, senza nessun segnale di comportamenti anomali comparsi in precedenza.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULLO ZIO DI SARAH SCAZZI
 


COMMENTI
12/10/2010 - CATTIVO? (francesca felicioli)

Non mi convince l'affermazione che il gesto dello zio sia frutto di "cattiveria"..per me è uno psicopatico ed alla base del gesto c'è una forte pulsione sessuale insana. Spero comunque che in carcere ci marcisca a vita e che lì stesso patisca il triplo di quello che ha fatto alla povera Sarah.

 
10/10/2010 - “Però esistono anche Raptus da cullare nel cuore!” (Silvano Rucci)

Carissimo Pietro Vernizzi, Concordo totalmente con quanto scritto in questo articolo, in modo particolare nei seguenti passi: Per lo psicoanalista Risé, Misseri non è uno psicopatico ma una persona «normale». Il suo delitto si può spiegare soltanto con il mistero del male. Probabile che il suo raptus sia esploso all’improvviso. Un raptus come il suo potrebbe scatenarsi improvvisamente in qualsiasi persona. Non a caso il male non è riducibile a un’interpretazione razionale e non può essere spiegato né dalla psicologia né dalla sociologia. Commento: “Però esistono anche Raptus da cullare nel cuore!” Sappiamo tutti che il male esiste, come anche il bene esiste. Sulla terra c'è precarietà ma quando accadono gesti coraggiosi come quello attuale dei Cileni oppure dei soccorsi ai terremotati od agli alluvionati ecc. ecc. le persone comprendono di non essere abbandonate. La gente rafforza la propria solidarietà che affratella e certamente lotta fra il bene ed il male con tanta maggiore energia vitale. Questi sono "DEI BUONI RAPTUS" da cullare nel cuore!

 
09/10/2010 - Mah... (paola pennacchioni)

un solo commento "pena di morte"