BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL CASO/ Perché il Governo ha tolto l’80% dei fondi al 5x1000?

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

Ed ecco un altro esempio. La Fondazione Banco Alimentare ONLUS raccoglie e distribuisce derrate alimentari a enti non profit che a loro volta li distribuiscono a persone bisognose. La Fondazione ha di recente stimato che il valore di un pasto distribuito agli indigenti tramite la propria rete organizzativa è pari a 0,080 euro.

 

Pertanto 250.000 euro di cinque per mille potrebbero essere la base necessaria per fornire almeno un pasto al giorno per circa 3.000.000 di persone: se questo contributo venisse a mancare, quanto costerebbe allo Stato farsi carico direttamente dell’alimentazione dei cittadini indigenti?

 

È veramente giunto il momento di iniziare a guardare le realtà del privato sociale del nostro Paese per quello che sono, cioè una risorsa. Pertanto è necessario che il Governo si impegni a stanziare in tempi brevi risorse adeguate per il cinque per mille per il 2011.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
17/11/2010 - 5 per mille NON 8 per mille (Giuseppe Frangiamone)

Non capisco perchè si debba commentare un articolo con una sua logica intrinseca riguardante il 5 per mille con polemiche riguardanti una cosa completamente diversa come l'8 per mille!

 
16/11/2010 - Ci vuole una bella faccia tosta! (andrea altana)

L'autore dimentica di scrivere che la Chiesa Cattolica spende solo una quota attorno al 20% dei fondi dell'8 per mille per interventi caritativi in Italia e nel terzo mondo. Anche gli spot televisivi (pagati peraltro dal contribuente italiano) sono piuttosto imprecisi al riguardo facendo intendere furbescamente al telespettatore che i soldi vengano impiegati tutti a favore dei più poveri. Inoltre il metodo col quale sono assegnati i fondi dell'8 per mille, circa un miliardo di euro per il solo 2009, è una mostruosità giuridica con la quale la Chiesa Cattolica si accaparra il 90% circa del totale ricevendo appena il 35% delle preferenze. Preferenze dalle quali sono escluse moltissime confessioni che "stranamente" non riescono a trovare un accordo con lo Stato italiano. Ci vuole davvero una bella faccia tosta per lamentarsi!

 
16/11/2010 - Ci pensi anche Monica Mondo (Giuseppe Crippa)

Credo che questa decisione del governo debba far riflettere anche la signora Monica Mondo, che su queste stesse pagine oggi scrive una bella lettera all’on. Casini, nella quale però a mio parere gratifica di qualche credito di troppo il ministro Tremonti e questa maggioranza, affermando candidamente: “È vero, ogni anno Tremonti ci toglie quei quattro soldi, e poi ce li ridà, come un regalo. Ma siamo sicuri che non ci sia di peggio, cioè non averli per niente, quei soldi? “. Chi si contenta…

 
16/11/2010 - taglio 5x1000 (ezio tosco)

E' stupefacente come questo Governo sia impegnato nel disattendere le domande che arrivano dalla societa' civile e per le quali l'abbiamo votato. Stupefacente, cioè drogato. Al punto da disattendere persino la propria convenienza. A quando un Governo con la Poletto ministro dell'Economia?