BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IOVINE/ Lo spietato boss dei Casalesi tradito dalla voglia di panettone

iovine-antonio-r400.jpg (Foto)

 

 

SORRISO BEFFARDO - Curioso invece il contegno tenuto da Iovine dopo l’arresto. Nelle foto sorride sempre, come fanno anche gli agenti che lo hanno arrestato. Un’espressione beffarda la sua, come quella di Peppe Setola quando fu arrestato quasi due anni fa insieme al cugino Riccardo. Anche se gli occhi sono in realtà ebeti e straniti, come se il blitz della polizia lo avesse colto in pieno sonno. O, come scrive il quotidiano Il Mattino, subito dopo una sniffata di cocaina. Iovine ha la barba lunga, un maglioncino rosso scuro e il corpo magro e asciutto. Proprio come nell’ultima foto che gli è stata scattata dalla Polizia scientifica quando aveva 21 anni.


Soprannominato il «Ninno bello», è stato arrestato dopo 14 anni e 11 mesi di latitanza ininterrotta. Un vero record, considerati gli standard della camorra casertana. Iovine è stato condannato in contumacia a due ergastoli. Mentre la moglie, la cognata e i giovani nipoti, che avevano scommesso sul suo rango di capo, finivano in carcere uno dopo l’altro. All'inizio dell'estate era stato catturato anche il suo alleato più fedele, quel Nicola Schiavone, figlio di Sandokan, che con lui e con Michele Zagaria da dodici anni teneva in pugno le sorti del clan.