BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SARAH SCAZZI / Giallo sugli assegni versati dalla mamma di Sabrina il giorno dell’omicidio

Pubblicazione:

cosimamisseri_R400.jpg

SARAH SCAZZI – Cosima forse mente. E se mente, chi vuole coprire? Se stessa o la figlia? La madre di Sabrina ha sempre detto agli inquirenti di essere stata nei campi il 26 agosto, giorno dell’omicidio nella nipote Sarah. Ma dagli accertamenti è emerso che sul suo conto sarebbero stati versati due assegni proprio quella fatidica mattina. Ecco perché oggi i carabinieri hanno sentito un funzionario del Credito Cooperativo di Avetrana.

 

Se le indagini confermassero questa ipotesi, significherebbe che la moglie di Michele Misseri ha dei motivi per mentire. Proprio dall’espugnazione del “fortino Cosima” i legali della famiglia Scazzi si aspettano di poter ricostruire finalmente la verità su di un caso che vive di colpi di scena continui.

 

“L'impacciato silenzio e le goffe risposte con le quali Michele Misseri tenta di giustificare il ruolo e i movimenti della moglie in questa ferale vicenda sono indice certo che la verità ancora non è stata pienamente raggiunta e che probabilmente Cosima rappresenta il 'fortino' da espugnare se si vuole raggiungere la vera ricostruzione dei fatti”, hanno scritto gli avvocati Nicodemo Gentile e Valter Biscotti in una nota apposita.

 

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE LE ULTIME NOVITà SULL'OMICIDIO DI SARAH SCAZZI


  PAG. SUCC. >