BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EMERGENZA RIFIUTI/ Dove finisce e quanto ci costa portare via la nostra spazzatura?

Pubblicazione:lunedì 29 novembre 2010

rifiuti_R400.jpg (Foto)



LA TOP TEN DEI PAESI IMPORTATORI - Il 90 per cento dei nostri rifiuti esportati finisce in Paesi europei. In cima alla lista degli importatori della spazzatura “made in Italy” troviamo la Germania, che incamera il 47 per cento dei rifiuti speciali e quasi la totalità degli speciali pericolosi. Dopo la Germania, troviamo la Grecia, che accoglie il 18 per cento dei rifiuti esportati, il Regno Unito, con il 10, la Cina, con l’8 la Francia con il 4.

LA TOP TEN DEI PAESI ESPORTATORI - Gli 1,4 milioni di tonnellate di rifiuti importati in Italia, riguardano prevalentemente rifiuti speciali non pericolosi. Anche qui, il primato spetta alla Germania, da dove viene il 25 per cento della nostra spazzatura importata. Segue la Svizzera, con il 23 per cento, la Francia col 21%e, la Slovenia e l’Austria, entrambe con il 6. Importiamo, in particolare, legno (734mila tonnellate destinate agli impianti di produzione di pannelli truciolati), metalli (198mila tonnellate), vetro (129mila) e altri materiali come la plastica, i veicoli fuori uso o gli imballaggi (350mila tonnellate). 

PERCHE’ IMPORTARE RIFIUTI -
L’export dei nostri rifiuti dipende, principalmente, dalla scarsa presenza sul territorio di impianti destinati al loro smaltimento, e dall’incapacità di gestire e riutilizzare le diverse tipologie. In Germania, ad esempio, diversi tipi di rifiuti speciali sono utilizzati per la messa in sicurezza delle miniere di sale. Principalmente, in ogni caso, i Paesi utilizzano i rifiuti importati per la produzione di energia mediante la conversione attuata con i termovalorizzatori. Energia per il riscaldamento delle case, o energia elettrica.



CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE DELL'EMERGENZA RIFIUTI E DEI COSTI RELATIVI

 


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >