BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCIOPERO DEI MUSEI/ “Porte chiuse, luci accese sulla cultura”: la protesta del 12 novembre contro i tagli del governo

Pubblicazione:giovedì 4 novembre 2010

poesia_treccani_musicantiR400.jpg (Foto)


LO SCIOPERO DEI MUSEI - Il 12 novembre centinaia di musei in tutta Italia sciopereranno per protestare contro i tagli del governo alla cultura.


Anche i musei, a novembre, scioperano. Per protestare contro i tagli del governo alla cultura il 12 novembre centinaia di siti archeologici, musei, parchi e biblioteche hanno indetto una mobilitazione nazionale, “Porte chiuse, luci accese sulla cultura”, di cui ne è stata dato l’annuncio oggi all'Auditorium parco della Musica di Roma. L’iniziativa è stata ideata federculture e dall’Anci, con il sostegno del Fai. Tra gli altri era presente Umberto Croppi, assessore alle Politiche culturali e alla comunicazione del Comune di Roma. La manifestazione assumerà forme a seconda delle città. A Milano i musei potrebbero rimanere aperti gratuitamente, mentre nel Lazio, ad esempio, la Fondazione Musica per Roma rilascerà, da venerdì 5 fino all’esaurimento dei posti disponibili, i biglietti per il concerto Gabriele Cohen Jewish Experience del Roma Jazz Festival, al Teatro Studio gratuitamente. A Venezia, poi, il Palazzo Ducale rimarrà chiuso.


CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
12/11/2010 - Porte chiuse, luci accese.... (stefano rollero)

Ma dove si fermano i tagli di Tremonti? Anzi, dove vengono immesse gigantesche risorse di denaro pubblico? Nell’acquisto di 131 bombardieri F35 per un costo totale di 14 MILIARDI DI EURO! Una scelta sbagliata e incompatibile con la situazione sociale del paese. Per le spese militari si trovano sempre le somme e le banche centrali non fanno problemi, e neppure la corte dei conti UE nell’aumento poderoso del debito pubblico Italiano ! Un costo, quello delle armi, che potrebbe essere trasformato in sostegno a politiche sociali, alla ricerca, alla cultura che potrebbe rappresentare l’inizio di una nuova stagione di ideali e di speranze..