BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GUERRIGLIA DI ROMA/ Processo per direttissima per 22 dimostranti. “L’infiltrato” è figlio di un ex BR

Fermato il giovane sospettato di essere un agente infiltrato: è figlio di un ex brigatista rosso

agente-provocatore-r400.jpg (Foto)

I ventidue giovani fermati durante i disordini di Roma dell’altro giorno, saranno processati tutti per direttissima oggi. Altre quarantuno persone sono state identificate e su di loro sono in corso indagini.

Il conto dei violenti disordini fa poi registrare 124 feriti o contusi tra le forze dell’ordine e danni che ammontano, secondo il sindaco Alemanno, a 16 milioni di euro, «15 dei quali riguardano gli esercizi commerciali e 1 i beni culturali e l’arredo urbano». Intanto si chiarisce la dinamica di alcuni episodi che avevano fatto gridare al pericolo di infiltrati delle forze dell’ordine che avrebbero fomentato i disordini stessi. In particolare le immagini duna persona con una vanga e un paio di manette in mano che secondo alcuni veniva protetto dagli agenti stessi.

"Il giovane è poi stato arrestato e identificato: Un estremista già identificato e arrestato in serata», è la risposta della questura, in attesa di una ricostruzione ufficiale che verrà fatta dal ministro Maroni, domani al Senato. Anna Finocchiaro e due senatori del Pd, Francesco Ferrante e Roberto Della Seta hanno posto una interrogazione parlamentare: «Come si spiegano le fotografie nelle quali rappresentanti delle forze dell’ordine familiarizzano con i black bloc? Ieri a mettere a ferro e fuoco il centro di Roma c’erano anche agenti travestiti?».