BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ 16 dicembre: Sant’Adelaide

La Chiesa cattolica celebra oggi Sant’Adelaide.

Sant’Adelaide e Ottone I Sant’Adelaide e Ottone I

SANTO DEL GIORNO: SANT’ADELAIDE, 16 DICEMBRE 2010 - La Chiesa cattolica celebra oggi Sant’Adelaide. Nasce nel 931 dal re dell’Alta Borgogna Rodolfo II – di cui rimane orfana a soli 6 anni - e da Berta, figlia del duca di Svevia Burcardo. A soli 16 anni viene data in sposa a Lotario re d’Italia (benché la reale reggenza è nella mani di Berengario d’Ivrea) e figlio di Ugo di Provenza. Da lui ha un figlio, ma dopo soli 3 anni muore, probabilmente avvelenato da Berengario. Questi la imprigiona in un castello sulle rive del Garda, per aver rifiutato il matrimonio con suo figlio. Una volta libera, sposa re Ottone I il Grande, che stava tentando di liberare il nord Italia dal caos. Non è certo se sia stato lui a liberarla o se sia fuggita da sola. In ogni caso, a soli 20 anni, grazie alle sue qualità intellettuali, prende parte agli affari di Stato, contribuendo alla gestione del regno e al rafforzamento dell’autorità del consorte in Italia, tanto che nel 962 Papa Giovanni XXII lo incorona imperatore.

 

In 22 anni di matrimonio Adelaide e Ottone hanno 5 figli, tra i quali il futuro Ottone II. Alla morte del marito, le cose si complicano. Siamo nel 973 e il futuro erede al trono, influenzato dalla moglie, la bizantina Teofane, prova astio e risentimento nei confronti della madre. Lei decide di lasciare la corte e recarsi a Vienne dal fratello Corrado di Borgogna. Qui chiede aiuto a San Maiolo, abate di Cluny, che favorisce la riappacificazione. Ottone II si reca da Adelaide, di fonte alla quale si inginocchia, implorandone il perdono.

 

La donna, come segno di riconoscenza, invia al santuario di San Martino di Tours diverse offerte, tra cui il più bel mantello del figlio, invocando per lui la protezione con le parole: «Tu che hai avuto la gloria di coprire con il tuo mantello Cristo Signore nelle spoglie di un mendicante».

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO