BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ 31 dicembre: san Silvestro, il primo Papa di una Chiesa non più perseguitata

Pubblicazione:

san_silvestro_papaR400.jpg

Tuttavia, il racconto della donazione di Costantino dei territori italiani al Pontefice ebbe in passato grande importanza per giustificare il potere temporale del Papa.
Di certo il lungo pontificato di Silvestro fu tribolato dalle controversie disciplinari e teologiche: in quel momento, infatti, l’autorità ordinaria della Chiesa di Roma su tutte le altre Chiese, diffuse ormai intorno all’intero Mediterraneo, non era ancora compiutamente precisata.
Nel 325, Costantino indisse il primo Concilio ecumenico a Nicea, dove si approvò il Credo che contro le dottrine di Ario riaffermò la divinità di Gesù Cristo («Dio vero da Dio vero, generato non creato, della stessa sostanza del Padre»). Papa Silvestro non ebbe alcun modo di intervenire nei dibattiti: gli vennero solo comunicate, con solennità e rispetto, le decisioni prese.
Benché in questo caso si trovasse travolto dagli eventi di quegli anni, san Silvestro, con la testimonianza della propria vita, colpì i suoi contemporanei, al punto che, appena morto, venne subito onorato pubblicamente come “Confessore”. Anzi, fu tra i primi a ricevere questo titolo, attribuito dal IV secolo in poi a chi, pur senza martirio, ha trascorso una vita sacrificata a Cristo.
La sua festa si celebra proprio oggi il 31 dicembre e la notte, detta appunto Notte di San Silvestro, in tutto il mondo si festeggia il passaggio dal vecchio al nuovo anno, seguendo modi, tradizioni e costumi locali.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.