BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SANTO DEL GIORNO/ Sei dicembre: San Nicola di Bari

Nato a Pàtara di Licia, in Asia Minore, nell’attuale Turchia, attorno al 270 D.C., San Nicola di Bari è venerato come santo dalla Chiesa Cattolica

sannicolaR400.jpg(Foto)

Nato a Pàtara di Licia, in Asia Minore, nell’attuale Turchia, attorno al 270 D.C., San Nicola di Bari è venerato come santo dalla Chiesa Cattolica, da quella ortodossa e da altre confessioni cristiane. Considerato santo già in vita, fu eletto vescovo di Myra, nella stessa Licia, dove secondo la tradizioni compì numerosi miracoli, come la preservazione della città da una carestia.

Figlio di una ricca famiglia cristiana, perse i genitori prematuramente a causa della peste. Impiegò l’enorme ricchezza ereditata per aiutare i bisognosi. San Nicola patì la persecuzione anticristiana sotto Diocleziano, e dal 305 al 313 visse imprigionato e in esilio. Tornato libero grazie all’editto di Costantino riprese la sua attività apostolica. Pare, anche se non è certo, che prese parte al Concilio di Nicea del 325, nel quale venne condannato l’Arianesimo e si costituì l’ortodossia cattolica. In quel consesso, secondo la leggenda, colto da un attacco d’ira prese a schiaffi Ario.

Tra i vari miracoli che gli si attribuiscono in vita, placò una tempesta, scongiurò una carestia e salvò tre ufficiali condannati ingiustamente da Costantino. Nicola morì il 6 dicembre di un anno imprecisato, probabilmente in 343, sembra nel Monastero di Sion.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO