BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

COLLETTA/ 4. Una telefonata sconvolge i piani: cronaca di un sabato a Sesto S. Giovanni

colletta_alimentare_scambio_sacchettoR400.jpg (Foto)

La cosa più commovente è stata l’unità con cui abbiamo detto entrambi di sì a questa provocazione della realtà: davanti a uno che ti dice alle undici della sera prima che un supermercato è scoperto si gioca veramente tutta la tua libertà. O resti attaccato alle tue idee, e vai a fare il turno secondo lo schema che ti eri prefissato, oppure segui il mistero e accetti questa provocazione della realtà. Quando questo è chiaro, uno non ci pensa due volte a chiamare le persone a cui vuole bene per invitarle a condividere questa grazia, perché è davvero una grazia dire di sì dentro questo dramma, e lo è ancora più pensare al nostro sì simultaneo, senza alcuna esitazione, e vedere anche come tanti amici abbiano accettato la proposta sconvolgendo così i loro "piani".

Una cosa che notavo durante la giornata è la quantità di “grazie” che abbiamo detto alla gente, entusiasti nel prendere la loro spesa e stupiti dalla loro generosità: erano grazie spontanei, talmente potenti che sembrava quasi che la spesa fosse per noi! La Colletta è stata una verifica della fede perché è stata un'altra occasione per andare più a fondo della Scuola di Comunità (lettura e scambio di esperienze basate su un libro di don Luigi Giussani ndr.). In particolare del pezzo in cui si parla del sacrificio come un qualcosa che te fai e che può influire sugli altri: era evidente che il sacrificio del sì e della fatica della giornata stavano costruendo un'opera più grande, molto più grande delle tonnellate di cibo raccolte. Ci stava cambiando e stava cambiando le persone intorno a noi.

Insomma quello che più ci è rimasto impresso è questo sì spontaneo di entrambi, identico al sì che abbiamo dato di fronte alla malattia della mamma e quindi identico al suo sì di ogni giorno. Pensavo fosse impossibile ma anche questo è il miracolo della colletta.

(Matteo e Lorenzo)

© Riproduzione Riservata.