BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SCONTRI/ Asfa Mahmoud: noi islamici lavoriamo coi cattolici e via Padova può essere un modello

ViaPadovaScontri_R375.jpg(Foto)



Il ragazzo che è stato ucciso aveva 19 anni, lavorava come pizzaiolo e aveva regolare permesso di soggiorno. Per questo non mi sembra corretto spostare il problema su temi come la clandestinità, la malavita organizzata o l’odio tra sudamericani ed egiziani. A questo proposito, sicuramente non ci auguriamo la formazione di ghetti chiusi, perché alimentano soltanto i sospetti e l’odio tra le diverse etnie.

Clandestinità e malavita sono comunque presenti in questo quartiere e stanno portando alla fuga dei residenti di nazionalità italiana…

È innegabile che gli italiani si stiano spostando e che molte situazioni non siano sopportabili. Proprio per questo vorrei che le istituzioni tornassero a farsi vedere. Per quanto riguarda la clandestinità sono invece convinto che la Bossi-Fini non sia una legge in grado di risolvere il problema con giustizia.

Che tipo di interventi si aspetta da parte del Comune e delle istituzioni?


Innanzitutto una presenza vigile delle forze dell’ordine per evitare situazioni di degrado, con la consapevolezza però che queste misure sono una premessa e non la strada maestra verso l’integrazione.
Non è accettabile che ci siano dei bivacchi in pieno giorno di giovanissimi, soprattutto sudamericani, che si ubriacano comprando casse di birra al supermercato. Permettere questo degrado significa favorire la nascita di una zona franca. Dopodiché ci vorrebbe maggiore attenzione al fenomeno delle bande che si stanno diffondendo in tutta Milano e non solo in via Padova.

Se la sicurezza è la premessa ma non la soluzione come si favorisce l’integrazione?

L’integrazione è l’altra faccia della sicurezza e non si ottiene militarizzando il quartiere, ma creando un’alternativa. Nel nostro piccolo abbiamo da subito puntato ai corsi di lingua italiana per stranieri, all’insegnamento della Costituzione Italiana e a diverse iniziative che favorissero l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro e alloggio. Tutto ciò va contro l’alienazione e la diffidenza tra persone di culture diverse, come il sermone del venerdì in lingua italiana e il sostegno alle famiglie affinché mandino i figli nelle scuole pubbliche.

Per queste attività usufruite di qualche finanziamento pubblico?

 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO

 


COMMENTI
17/02/2010 - visto matrix 16-02-10 (raffaele d'alessio)

Difficilmente mi capita di vedere una puntata completa della trasmissione non perchè non sia interessante anzi ma, di solito, guardo altro. Sicuramente la puntata di via Padova, mi interessava particolarmente, non di certo per conoscere nuove cose ma, abitando da circa 25 anni nella zona sopracitata, mi interessava conoscere l' approcio nel suo globale e ahimè, mi è sembrato più che altro uno spot elettorale e uno spettacolo, coma poche volte successo prima, direttamente sul campo.

 
17/02/2010 - visto matrix 16-02-10 parte 2a (raffaele d'alessio)

Prima cosa, le interviste e le riprese fatte in modo tale da mettere un senso di ansia a chi non conosce realmente la realtà della zona. Sembravano un misto tra il Cairo (Egitto) ed i Quartieri Spagnoli a Napoli. E le persone fatte vedere nelle interviste, beh, son state scelte perchè forse erano quelle + disperate o che magari hanno avuto direttamente dei problemi col vicinato. Una tragedia montata ad arte ma...un omicidio! Cosa gravissima da condannare, ma c'è ne sono tanti in Italia e la maggior parte, non se ne ha neanche notizia. Come tutte le metropoli grandi o medie Milano ha i suoi problemi, vero ma, tutta l attenzione è su via Padova e le altre zone? Barona, Bovisa, Giambellino, Corvetto, Quarto Oggiaro e soprattutto Via Paolo Sarpi. Zone franche dove, soprattutto per gli stranieri è possibile vivere nell illegalità indisturbati, l'esempio più eclatante? I primi 500 mt di viale Monza da ple Loreto, anche li spot politici, fiaccolate, rivolte dei residenti ma a parte i tre giorni successi

 
16/02/2010 - Risposte. (Alberto Pennati)

Vorrei suggerire al Sig. Mahmoud una prima risposta che la comunità straniera potrebbe dare per integrarsi: denunciare tutti coloro che sono al di fuori della legge, a cominciare da chi ha ucciso l'egiziano di cui si parla. Mi sembra anche che sia il Sig. Mahmoud a fare un pò di "campagna elettorale" ad esempio quando cita la legge Bossi/Fini. Credo che quando uno straniero viene in Italia è un pò come quando qualcuno entra in casa altrui. Occorre anzitutto avere rispetto di chi mi fa entrare (e quindi si chiede prima di farlo), le persone che vi abitano e le cose che si trovano, cioè le leggi, la religione, gli usi, i costumi, le tradizioni d'Italia, PRIMA di pretendere cose per sè (lavoro, casa e così via.....). O no? Ho anche una domanda: cosa succede ad un cristiano che prega per strada se si trova in un paese mussulmano?