BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IRLANDA/ 1. Waters: Chiesa e società, una crisi che viene da lontano

Lo scandalo che ha colpito la Chiesa e la società irlandese scuote tutto il mondo anglosassone e non solo. JOHN WATERS spiega le origini e la portata, anche culturale, di questa situazione

anti_papa_R375.jpg(Foto)

In Irlanda, di questi tempi, viene spesso da pensare che i vertici della Chiesa cattolica abbiano capito poco della cultura alla quale devono rivolgersi. Questa settimana, i vescovi irlandesi si sono recati in Vaticano per discutere con il Papa e i suoi collaboratori della crisi che continua a sconvolgere la Chiesa irlandese, una crisi descritta in termini espliciti da una serie di relazioni governative su abusi sessuali da parte del clero e sulla loro copertura da parte delle gerarchie ecclesiastiche. La sensazione è che non ci si sia resi conto delle conseguenze ovvie e inevitabili di questo incontro.

Commentando la visita, i media irlandesi hanno pubblicato foto dei vescovi sorridenti attorno al Papa prima dell’incontro e, lunedì scorso, The Irish Times riportava in prima pagina la foto del vescovo Drennan di Galway che si inchinava per baciare l’anello del Papa. Il vescovo Drennan è diventato famoso in Irlanda per il suo rifiuto a dimettersi, malgrado una intensa campagna mediatica, dopo che il rapporto Murphy lo aveva accusato di essere tra quelli che non avevano agito contro chi aveva commesso abusi sessuali.

Insomma, l’incontro di questa settimana sembra essere stato pianificato male e gestito altrettanto male. Apparentemente, i partecipanti non hanno capito quale fosse il tono da dare all’incontro, o cosa si aspettavano in Irlanda i media, il pubblico e le vittime degli abusi del clero.

A pochi minuti dall’uscita del comunicato stampa sull’incontro, i media irlandesi avevano già deciso la sua inadeguatezza: non vi erano scuse alle vittime e non c'era nessun riconoscimento della complicità di alti esponenti ecclesiali nel coprire questi fatti. In realtà, si è detto, il Papa “si è lavato le mani” di fronte agli scandali. L’enfasi della dichiarazione sulla ricostruzione della Chiesa, si è asserito, dimostra come non sia stata compresa la più urgente necessità di risarcimento ed espiazione. In altre parole, una farsa.