BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

VITA/ Lo sguardo della signora Giovanna, più grande degli scandali e dei fatti di viale Padova

La vista del Papa alla Caritas di Roma ha segnato l'occasione per riportare la Carità al centro dell'impegno nell'assistenza dei bisogni dell'uomo. In questo editoriale, anticipazione di quello che uscirà sul prossimo numero di Vita, GIUSEPPE FRANGI ne spiega la portata a ilsussidiario.net

signora_caritas_roma_R375.jpg(Foto)

«Senza i volontari non si fa niente». Lo ha detto il Papa, con un commento estemporaneo ma che riassumeva emozioni e impressioni ricevute domenica 14 febbraio durante la visita all'Ostello della Caritas intitolato a don Luigi Di Liegro. «Senza i volontari non si fa niente». È un giudizio semplice ma impressionante, perché non identifica una categoria di "eroi", ma un modo di essere pienamente uomini: l'agire volontario è il solo modo che porta le persone ad agire in modo positivo, aperto a tutti. Queste parole al Papa sono venute naturali dopo aver visto per una mattinata i frutti tangibili di questo "agire".

Decine di persone sottratte alla povertà e alla disperazione, rappresentate da quella signora di mezz'età, Giovanna Contaldo, ospite da anni dell'Ostello, che con le mani tremanti e il volto segnato da una lunga sofferenza sperimentata, ha letto il saluto a nome di tutti gli altri. Le parole della signora Giovanna hanno preso avvio da un augurio imprevisto: «Perché Dio le dia la forza di essere sereno e forte e pieno di speranza come lo siamo noi». E poi ancora: «Qui lei trova dolore, certamente, ma se dovesse, nel viaggio di ritorno, poter portare con lei una cosa soltanto, porti, la prego, la speranza».

Che non il dolore ma la speranza sia l'orizzonte di un luogo come l'Ostello e di una biografia come quella della signora Giovanna, è un dato di fatto davanti al quale non si può restare indifferenti. Perché ha una consistenza oggettiva; non è un'intenzione sentimentale, è uno stato di vita. Che cos'è questa speranza? Di che pasta è fatta? E com'è la realtà vista da lì? Per onestà intellettuale ciascuno dovrebbe rispondere a queste domande.

CONTINUA LA LETTURA DELL'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO