BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FLORENCE FORESTI/ Il monologo contro la maternità spopola in Francia

L'attrice francese Florence Foresti scandalizza e diverte con il suo monologo anti-maternità. Tutti in coda al teatro  

florenceforesti_R375.jpg (Foto)

FLORENCE FORESTI MONOLOGO MATERNITA' - Florence Foresti fa il tutto esaurito da mesi nei teatri francesi. L’attrice francese Florence Foresti è protagonista di un monologo (“Official Motherfucker”, titolo che nei paesi anglo-americani nessuno le permetterebbe di usare) in cui si diverte a prendere di mira il mito della maternità. Battute tipo: “La gravidanza? Come i postumi di una sbronza. Ti svegli al mattino, hai voglia di vomitare e prometti: non berrò mai più una goccia di alcol in vita mia. Solo che la gravidanza dura nove mesi e pensi che non farai mai più l'amore con un uomo”.

Eppure Florence è mamma di una bimba di due anni e mezzo. O forse proprio per quello: "Fare la mamma è uno sporco lavoro" dice. La Francia fa la fila al botteghino per andarla a vedere e sentire. La rivista “Marie Claire” l’ha eletta personaggio dell’anno 2009. La motivazione? Aver liberato le donne dal “baby blues”, qualunque cosa esso significhi. La Foresti aveva tentato, ma con scarso successo, anche la via del cinema.

 

CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SUL MONOLOGO ANTI- MATERNITA' DI FLORENCE FORESTI


COMMENTI
25/03/2010 - non c'e' limite al minor contenuto (Antonio Servadio)

Sfide ?! Forse un mix di banalita' e miserie con qualche volgarita' qui e la'. Tracce di "sovversione" non trovate. Prossima rivoluzione ideologica suggerita, ad es. contro il "luogo comune" che la fame serve per mangiare e che cio' serve per vivere. Da un altro articolo in questo stesso sito web: "intellettuali che non danno minimamente la sensazione di credere in quello che dicono, ma che scrivono per ragioni di opportunità e di potere. Non si mettono in campo per testimoniare una verità, ma per dare regole e consigli. Usano un linguaggio istintivo più che trasformativo. Non coltivano pensieri; privi come sono di un’impostazione «socratica», li fanno morire."