BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CASO MURPHY/ Parla William Levada, il successore di Ratzinger alla Dottrina della Fede

benedetto_xvi_occhiR375.jpg (Foto)

L’intento principale delle accuse sul caso Murphy, ricorda Levada, ruotano attorno all’intenzione di imputare a Ratzinger la decisione di insabbiare il processo. «Ma i leader della Chiesa scelsero di difendere la Chiesa anziché i bambini. Il rapporto illustrava il tipo di comportamento che la Chiesa voleva scusare per evitare lo scandalo» recita l'editoriale del New York Times, dando ciò di cui scrive per assodato.  

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO