BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GELMINI/ E' nata Emma, il ministro dell'istruzione è mamma. Berlusconi, "Io come Hitler e Nerone: le imposto il nome.."

Il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini è diventata mamma. Questa mattina è venuta alla luce, con un parto cesareo, Emma. La Gelmini ha partorito a Brescia

gelminiR375_28ago09.jpg (Foto)

E' NATA EMMA, LA FIGLIA DEL MINISTRO GELMINI - Il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini è diventata mamma. Questa mattina è venuta alla luce, con un parto cesareo, Emma. La Gelmini ha partorito a Brescia. Sia lei che la bambina stanno bene. Le bimba della Gelmini pesa 2,9 Kg, ed è nata alle 10.53. Pochi minuti dopo,  al ministero dell'Istruzione è stato appeso un fiocco rosa in occasione della nascita della bambina della Gelmini. Molti curiosi - anche stranieri - si sono fermati per fotografarlo.


LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA DE ILSUSSIDIARIO.NET

 

BERLUSCONI ANNUNCIA LA NASCITA DELLA FIGLIA DELLA GELMINI - Della nascita dalla figlia del ministro dell'Istruzione Maristella Gelmini, ha parlato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Il premier era presente al convegno di Confidustria di Parma. Dopo avere ricordato la scomparsa del presidente polacco i seguito ad un incidente aereo nel quale sono morti anche il capo di Stato maggiore dell'esercito polacco, il vicepresidente del Parlmanento, oltre ad altre numerose autorità e politici di rilievo, ha detto: «Dopo una notizia tragica vi dò una buona notizia».


Leggi anche: YOUTUBE SINDONE/ Video - Il filmato del percorso introduttivo all'Ostensione

 

BERLUSCONI SCHERZA SUL NOME DELLA FIGLIA DELLA GELMINI - Silvio Berlusconi ha, poi, scherzato con la platea confindustriale, rivendicando la paternità del nome che Mariastella Gelmini ha dato alla figlia neonata: «i miei oppositori - ha detto Silvio Berlusconi - mi chiamano Nerone, Saddam Houssein, Hitler, mi sono ricordato di questa potenza e ho imposto a un mio ministro per la figlia un nome che mi stava cuore: le ho imposto di chiamarla Emma».

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO