BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SONDAGGIO/ Pagnoncelli a Ballarò: come stanno economicamente gli italiani rispetto a un anno fa?

Pubblicazione:

sondaggio-ballar%C3%B2R375.jpg

BALLARO’ IL SONDAGGIO DI PAGNONCELLI (IPSOS) - Come stanno gli italiani rispetto a un anno fa, a cos’hanno rinunciato nell’ultimo anno, come pensano che sarà il futuro dei loro figli e qual è il loro giudizio sull’operato del governo? In queste e in tante altre domande, consiste il contenuto di un sondaggio a tutto tondo proposto nella puntata di ieri di Ballarò e realizzato dalla Ipsos di Pagnoncelli.

 

Leggi anche: YOUTUBE MINICAR/ Videogallery – Due morti in pochi giorni. E’ allarme per il quattro ruote, “taroccabile” con youtube

 


BALLARO’ E IL SONDAGGIO DI PAGNONCELLI (IPSOS) – Rispetto a un anno fa lei sta… - Strano ma vero. Pagnoncelli rivela, nella puntata di ieri di Ballarò, che alla domanda della Ipsos “Lei come sta economicamente rispetto a un fa?” un buon 7 per cento ha risposto “meglio”. Alla faccia della crisi. La metà circa, il 48 per cento, ha risposto di stare più o meno allo stesso modo, mentre un buon 44 per cento - troppi, ovviamente – dice si stare peggio. L’un per cento rimanente non ha saputo rispondere al sondaggio di di Panoncelli.

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE NEWS DI CRONACA DE ILSUSSIDIARIO.NET


BALLARO’ E IL SONDAGGIO DI PAGNONCELLI (ISPSOS) – A cosa ha rinunciato nell’ultimo anno? – Il polso reale della situazione in piena crisi si può tastare dal responso pubblicato da Pagnoncelli a Ballarò alla domanda “A cosa ha rinunciato nell’ultimo anno?”. Un buon 28 per cento dichiara di non aver rinunciato praticamente a nulla, il 37 per cento a viaggi e vacanze, il 22 per cento a ristoranti e bar, il 19 per cento a comprare nuovi capi di abbigliamento, l’11 per cento ad andare al cinema o al teatro, il 9 per cento all’auto, alla moto o alle spese necessarie per gli spostamenti, l’8 per cento agli elettrodomestici, mentre il 7 per cento alla cura della persona, il 4 per cento alle spese telefoniche, sempre il 4 ha lesinato sul cibo, mentre il 3 per cento ha risparmiato sull’acquisto di libri e giornali. Ebbene: fortunatamente, pare che nella maggior parte dei casi, gli italiani abbiano rinunciato a beni superflui.

 


PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO

 


  PAG. SUCC. >