BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VULCANO ISLANDA/ Stop ai voli nel nord Italia fino alle 14 di oggi. Scattano i rimborsi

La grande nube di cenere e polveri del vulcano islandese sotto il ghiacciaio Eyjafjallajokull viene rapidamente verso l’Europa. L’Enac: stop ai voli nel nord Italia fino alle 14 di oggi

Alitalia_Aereo_FermoR375.jpg (Foto)

VULCANO - La grande nube di cenere e polveri del vulcano islandese sotto il ghiacciaio Eyjafjallajokull viene rapidamente verso l’Europa, e raggiungerà oggi, dopo aver lambito la Finlandia, la regione di Mosca. Già raggiunto, nella serata di ieri, il nord Italia.

VOLI CANCELLATI - Sono migliaia i voli cancellati da e per l’Europa. Le ceneri, infatti, rischiano di bloccare i canali di ventilazione creando un pericoloso surriscaldamento della propulsione degli aerei. L’Enac, l’autorità dell’aviazione civile italiana, ha disposto per oggi lo stop ai voli dalle 6 alle 14 in tutto il nord Italia fino a 35mila piedi, cioè 10.668 metri, con l’autorizzazione dei soli voli di emergenza. Tutti gli aeroporti del Nord Italia, come Milano Malpensa, Torino Caselle, Milano Linate, Venezia, Bologna e Bergamo saranno quindi chiusi al traffico. Nessuna restrizione, precisa l'Enac, subiranno i sorvoli oltre il livello dei 35 mila piedi. In attesa dei prossimi bollettini meteo che consentano di capire come potrà evolversi la situazione, si tenta di capire come limitare al massimo i disagi di fronte ad una situazione senza precedenti.

Fino alle 14 di oggi, dunque, gran parte dei paesi europei mantengono la chiusura dello spazio aereo: Gran Bretagna, Francia, Germania, Belgio, Olanda, Austria, Svizzera, Romania, Paesi baltici, Repubblica ceca, Norvegia, Danimarca, Finlandia, Slovacchia, Ungheria e infine l'Italia, solo per il nord. Irlanda e Svezia,invece, hanno potuto riprendere l'attività.

Clicca >> qui sotto per continuare l’articolo su: vulcano Islanda, voli cancellati, previsioni


COMMENTI
17/04/2010 - in natura la globalizzazione per antonomasia (Antonio Servadio)

Nella natura la globalizzazione non è una scelta, è una caratteristica. Fa riflettere la fragilità del nostro dispositivo logistico e tecnologico.