BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

APERTURA AEROPORTI/ L’Europa sfida la nube vulcanica. Riparte il 45% del traffico aereo. La situazione degli aeroporti italiani

 Dalle 8 si riprende a volare. Non ovunque né in maniera regolare. I ministri dei trasporti europei, tuttavia, hanno stabilito la riapertura degli aeroporti.

Alitalia_DecolloR375.jpg(Foto)

Dalle 8 si riprende a volare. Non ovunque né in maniera regolare. I ministri dei trasporti europei, tuttavia, hanno stabilito la riapertura degli aeroporti. Alla decisione si è allineata immediatamente anche l’Enac (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile), che ha annunciato che i voli italiani sarebbero ripartiti tutti alla medesima ora, mentre quelli internazionali in misura graduale.


Leggi anche: NUBE VULCANICA/ Bufala o no? L'esperto dell'aeronautica dice che...


- Complessivamente dovrebbe ripartire, secondo le decisioni dei 27 Paesi europei, il 45 per cento degli aerei, contro il 30-35 per cento dei ieri. I cieli d’Europa continueranno a essere suddivisi in tre zone, in base alla percentuale di ceneri presenti nell’area. Ne rimarrà una off-limits, quella più vicina al vulcano, un’altra dove è stata riscontrata la presenza di ceneri ma per la quale è stata prevista la riapertura, non essendone stata verificata la pericolosità, e un’altra, infine, dove non è stata rivelata la presenza di ceneri.



PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON LE CONDIZIONI DEGLI AEROPORTI ITALIANI