BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TRAGEDIA VENTOTENE/ I ragazzi sono tornati in classe. Intanto si indaga per omicidio colposo

Pubblicazione:

ventotene%20crollo%20375.jpg

I RAGAZZI DELLA TRAGEDIA DI VENTOTENE SONO TORNATI IN CLASSE - Sono tornati a scuola i ragazzi delle due classi di scuola media in gita a Ventotene che hanno visto morire Francesca Colonnello e Sara Panuccio – due loro compagne – sotto i massi franati da un costone sulla spiaggia di Cala Rossano. Si sarebbe dovuto trattare di una normale gita scolastica, e concludersi domani sera. Ma quella a Ventotene si è trasformata in una tragedia. Ora, gli alunni della III A e della III E della scuola Anna Magnani di Morena sono in classe. E, da ieri, sono supportati da alcuni psicologi. «Vogliono elaborare insieme il lutto» ha spiegato il preside Riccardo Brugner.

 

Leggi anche: TERREMOTO SICILIA/ Scossa di 2,8 e 2,3 gradi in provincia di Messina e sull’Etna

 

I FIORI PER LE VITTIME DI VENTOTENE - Sull’isola di Ventotene, domenica prossima sarà deposta una corona sulla spiaggia in cui le due ragazze sono morte in seguito al crollo del costone. Sarà lo stesso sindaco di Ventotene, Giuseppe Assenso, a deporre la corona sulla spiaggia dove, da ieri, non si è interrotta la processione di residenti e studenti, molti dei quali hanno deposto sulla spiaggia piccoli mazzi di fiori.

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE NEWS DI CRONACA DE ILSUSSIDIARIO.NET


L’INDAGINE PER OMICIDIO COLPOSO PER ACCERTARE I RESPONSABILI DELLA TRAGEDIA DI VENTOTENE - La Procura di Latina, intanto, ha aperto un’indagine contro ignoti per omicidio colposo per accertare eventuali responsabilità nella tragedia di Ventotene. I tecnici inviati dalla Regione sull’isola di Ventotene verificheranno lo stato delle pareti rocciose che si affacciano sulla spiaggia dove sono morte in seguito ad una frana le due ragazze. I carabinieri di Ventotene hanno sequestrato, negli uffici comunali, i documenti che riguardano lo stato delle coste e delle pareti rocciose dell'isola, tra i quali ce ne sarebbero alcuni provenienti dall'Autorità dei bacini regionali del Lazio relativi alle aree sottoposte a tutela per dissesto idrogeologico.


PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >