BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VIA CRUCIS/ Canada: la nostra croce condivisa con tutta la Chiesa

cross_R375.jpg (Foto)

 

La copertura dell’evento da parte della stampa è stata notevole, non solo perché si sono visti almeno una dozzina di giornalisti e cameraman, ma perché molti di loro hanno seguito l’intero tragitto. Ci si aspettava, ovviamente, che ponessero domande sullo scandalo degli abusi e sul Papa, ma erano sinceramente interessati a capire perché facevamo quel gesto e che cosa significasse. Un paio di loro sono apparsi davvero colpiti da quello che si presentava realmente come un evento.

 

C’è stato solo un piccolo incidente nella Place Ville Marie, dove alcuni addetti alla sicurezza non volevano che la gente stesse in mezzo alla piazza. Gli organizzatori hanno chiesto, tranquillamente, di poter restare, ma un reporter è intervenuto con foga, chiedendo alle guardie se volevano essere filmati mentre cacciavano via la folla. Le guardie ci hanno lasciato proseguire senza altri incidenti.

 

Una nota finale. Il Venerdì Santo, a Montreal, la temperatura normalmente va da freddo a terribilmente freddo, ma quest’ anno si è avuta una temperatura record di 25 gradi, con una splendida giornata di sole. Senza lasciarsi distrarre dalla bella giornata, i partecipanti hanno camminato in un silenzio riverente, pregando per il Santo Padre e per tutte le intenzioni. Quest’anno, altre Vie Crucis delle comunità di Comunione e Liberazione in Canada si sono svolte a Ottawa, Toronto, Halifax ed Edmonton

© Riproduzione Riservata.