BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIA CRUCIS/ La prima volta della Croce per le strade di Mosca

Pubblicazione:sabato 3 aprile 2010

viacrucis_moscaR375.jpg (Foto)

 

Non era mai successo che la Via Crucis uscisse per le strade di Mosca. Nonostante la libertà religiosa sancita e tutelata dalla Costituzione, la fede continua a restare un gesto privato, da esprimere «tra i propri», entro il recinto delle chiese. Questo vale per la Chiesa ortodossa, secondo la mentalità della gente, e tanto più per la comunità cattolica che costituisce una sparuta minoranza.

La vigilia della domenica delle Palme, invece, la Diocesi della Madre di Dio a Mosca ha proposto la Via Crucis come gesto pubblico a cui hanno partecipato tutti i gruppi e movimenti, alternandosi nei canti, lungo un percorso attraverso i quartieri intorno alla cattedrale dell’Immacolata Concezione. Un migliaio di fedeli - dalle donne anziane che si inginocchiavano ad ogni stazione, incuranti delle pozzanghere e del fango (è la stagione del disgelo), a giovani famiglie con bambini in braccio e nel carrozzino: veramente il popolo di Dio, che cantava in russo, in latino, in spagnolo e addirittura in una delle lingue africane.

Il coro di Comunione e Liberazione ha eseguito tre canti: Attende Domine, Anime affaticate e sitibonde e O Cor soave. Il gesto annuale della nostra Via Crucis quest’anno si è fuso con il nuovo passo compiuto dalla Chiesa cattolica in questa terra, servendolo e lasciandosene commuovere. Passando per le strade di Mosca, seguendo la croce e ascoltando, passo dopo passo, l’eco del cammino doloroso di Gesù, era impossibile non levare il capo a guardare la gente affacciata alle finestre delle case con una curiosità attenta, oppure gli stessi poliziotti - una cinquantina di agenti - che ci scortavano con grande compunzione.

 

Clicca >> qui sotto per continuare l’articolo sulla via crucis di Mosca

 

  


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
06/04/2010 - L'uomo deve compiere un Miracolo! (Silvano Rucci)

Per avere Fede l’uomo deve compiere un Miracolo umano! Da solo l’uomo non riesce a compiere questo passaggio, è troppo arduo e lontano dai suoi abituali comportamenti! Il Mistero dell’Incarnazione e quello della Resurrezione del Cristo sono miracoli che appartengono alla Sua predicazione: sono Misteri annunciati nel Vecchio Testamento e poi accaduti nella vita terrena di Gesù! Dei fatti prima annunciati e successivamente accaduti nei minimi particolari hanno del miracoloso, sono sovrumani, non fanno parte dei normali comportamenti umani! Questo dimostra perché sia arduo avere Fede in Dio! All’uomo viene chiesto di fare uno sforzo che ha del miracoloso: lo sforzo è nella domanda - posta dall’Arcivescovo Monsignor Pezzi - come provocante interrogativo - «Ma il cuore dell’uomo chiede Cristo?» Sappiamo tutti che Cristo è già venuto incontro all’uomo! Ma per chi non ha ancora trovato la Fede manca proprio la risposta a questa domanda, alla provocazione fatta al cuore dell’uomo! Per trovare Cristo ed avere Fede l’uomo deve compiere un Miracolo umano e rispondere a questa precisa domanda: "Il cuore dell'uomo chiede Cristo?"! Rispondere "SI" ha del miracoloso!

 
04/04/2010 - Mosca vs. Milano (Antonio Servadio)

leggendo l'articolo ho la sensazione che la cerimonia moscovita abbia riscosso un successo mediamente molto più caloroso di quello dimostrato dalla cittadinanza milanese. Che ne pensa la redazione ?