BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

J’ACCUSE/ Tutte le falsità della “mani pulite di Dio” firmata New York Times

benedettoXVI_follaR375_12mag09.jpg(Foto)

Come ha giustamente sottolineato Don Fortunato Di Noto “perché gli americani, che sono tanto puritani nel fare attacchi al Papa, non danno risposte sulle migliaia di siti pedopornografici del loro Paese? Perché non ratificano la convenzione del fanciullo firmata nell'89 proprio a New York?”.

 

Perché, aggiungo io, se un soldato americano in Afghanistan compie atti di pedofilia, non viene data la colpa al Presidente degli Stati Uniti così come viene fatto con il Papa? Semplice. Perché l'inimicizia di tante oligarchie, anche quelle rappresentate da certe influenti elite mediatiche, della dittatura e di qualsiasi visione totalitaria nei confronti del Santo Padre ha in fondo sempre la stessa radice: il successore di Pietro documenta con il suo esempio il dramma della libertà dell'uomo di fronte al potere e questo fatto il potere semplicemente non lo accetta.

 

La menzogna e la diffamazione, che rimangono la violenza più grande, sono lo strumento ideale per distruggere questa presenza.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
10/04/2010 - E il Parlamento Europeo? (Giuseppe Crippa)

Concordo anch’io con quanto scrive Mauro, da cui mi aspetto però, oltre a queste riflessioni, anche qualcosa di più consono al mandato che ha recentemente ricevuto dagli elettori: il Parlamento Europeo dovrebbe trovare il modo di esprimersi non tanto sugli abusi commessi trent’anni fa da ecclesiastici quanto su quelli che verranno commessi domani da chiunque. Mauro a mio avviso sfiora soltanto il vero problema, quello della “libertà dell'uomo – e del cristiano in particolare - di fronte al potere”. A questo proposito è davvero illuminante l’articolo di Robert Royal nella stessa pagina.

 
10/04/2010 - Santo Padre (ivan simeone)

Riguardo alle tristi vicende che vedono, ancora una volta, sotto attacco il Santo Padre e la Chiesa Cattolica , mi viene di chiedermi il perchè di tanto odio. In questi giorni anche alcuni giornali economici nostrani si sono divertiti a fare della fantapolitica vaticana....dinanzi a tutto ciò bisogna innanzitutto pregare e poi rimboccarsi le maniche e testimoniare, sempre più, il nostro amore per la Chiesa e il Santo Padre l'ì dove siamo presenti...con naturalezza ma, contestualmente, con fermezza di Fede....per il resto lasciamo le chiacchiere per quello che sono. Ivan Simeone.

 
10/04/2010 - Aggiornamento alle falsità (Alberto Pennati)

Corre l'obbligo aggiornare quanto riportato poco fa (prima del disastro aereo che ha colpito la Polonia) dal sito del citato quotidiano nazionale, a riprova della malafede che non riguarda solo il nyt. L'articolo sul padre pedofilo arrestato è sparito dalla prima pagina, mentre quello sul Papa è rimasto il primo della serie. Sono assolutamente d'accordo con quanto riportato oggi da un altro quotidiano: "la campagna internazionale di stampa sulla pedofilia dei preti mostra non tanto la volontà di informare i cittadini, quanto quella di punire la Chiesa per le sue posizioni, che la società secolare considera una minaccia alla propria identità ideologica sull'aborto, eutanasia matrimonio omosessuale". Chiudo con una domanda; secondo voi chi ha pronunciato queste parole? "Avete tradito la fiducia riposta in voi da giovani innocenti e dai loro genitori. Dovete rispondere di ciò davanti a Dio onnipotente, come pure davanti a tribunali debitamente costituiti. Avete perso la stima della gente e rovesciato vergogna e disonore sui vostri confratelli...voi che siete sacerdoti avete violato la santità del sacramento dell’Ordine Sacro, in cui Cristo si rende presente in noi e nelle nostre azioni. Insieme al danno immenso causato alle vittime, un grande danno è stato perpetrato alla Chiesa e alla pubblica percezione del sacerdozio e della vita religiosa". Non è il new york times! Scusate per la lunghezza del mio commento.

 
09/04/2010 - Ben detto! (Alberto Pennati)

Condivido assolutamente quanto affermato nell'articolo dal Dott. Mauro. Tutto questo gran "sparlare" della Chiesa e del Santo Padre è diventato l'argomento principe del dramma della pedofilia, un altro pretesto per attaccarli. Evidentemente non si vuol dare il giusto risalto a quanto il Papa ha anche recentemente scritto nella lettera alla Chiesa irlandese. Meglio lasciarlo in un angolo e continuare a buttare fango addosso. E' notizia di oggi che un padre italiano pedofilo è stato arrestato a Londra, per abusi su sua figlia avvenuti nel 2003. Forse per questo dobbiamo versare letame addosso alla famiglia in quanto tale? Guarda caso, sul sito di un famoso quotidiano italiano, le accuse generalizzate al Papa sono la prima notizia e questo arresto - episodio provato - è l'ultima della pagina.