BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAOLA TURCI/ Sei anni di atroci dolori alla schiena. Poi la scoperta di due ernie del disco. La cantante racconta il suo calvario

Paola Turci racconta alla rivista Ok Salute i suoi problemi di schiena che l'hanno colpita per sei anni. Come ha fatto a uscirne

paolaturci_R375.jpg (Foto)

Su OK Salute in edicola una intervista a Paola Turci. La cantante romana racconta i suoi problemi di schiena. Durati per sei anni senza apparentemente trovare una soluzione. Tutto nato improvvisamente, una sera che si trovava in un ristorante. Dolori che non la facevano stare seduta. Poi la mattina dopo il blocco totale e i primi tentativi di cura. Le aveva provate tutte, Paola Turci. “Una via crucis durata tre anni” dice “nei quali ho provato di tutto: pilates, ossigenoterapia, agopuntura, farmaci, manipolazioni. Dal biologo all’osteopata, dal naturopata al posturologo, fino al metodo McKenzie, niente e nessuno riuscivano a darmi un sollievo che durasse più qualche ora. Intanto io stavo sempre peggio: seduta, in piedi o distesa, ogni posizione mi provocava un dolore insopportabile. Ho vissuto momenti di profonda disperazione, in cui mi chiedevo che senso avesse continuare a vivere con tanta fatica e tanto male. Ogni volta che mettevo fine all’ennesimo, inutile trattamento, mi sentivo sconfitta”.
 


Viene a scoprire cosa le è successo: “Ho sempre fatto molto sport: ore e ore dedicate alla mia passione per la danza di tutti i generi e a quella per lo sci nautico. Da un po’ di tempo, però, mi ero fermata completamente, preda della pigrizia: vivevo un periodo felice, mi sentivo in gran forma, avevo smesso di fumare e non avevo preoccupazioni. Mi ero completamente rilassata. È stato proprio quello il problema: interrompendo di botto l’attività sportiva, anche la muscolatura si è bruscamente rilasciata, provocando una compressione delle vertebre con due ernie allineate. Una era addirittura una scheggia, che insieme all’altra mi infliggeva il dolore lancinante”. La salvezza quando, dopo anni di trattamenti inutili, “una risonanza magnetica aveva svelato le ernie del disco. La terapia però non si trovava.