BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

J’ACCUSE/ Scaglia e il caso Fastweb, un esempio di malagiustizia da "studiare"?

Pubblicazione:

giustizia_statuaR375_5set08.jpg

Gravissima impressione, certo non comprovata né comprovabile, eppure fondata sul fatto che i meccanismi e le entità delle colpe commesse non sono mai stati chiari all’opinione pubblica, e che poi di fatto gli imputati eccellenti, primo fra i quali Scaglia, non hanno mai ammesso il benché minimo addebito. A dispetto del “torchio” carcerario.

 

Inoltre, con Scaglia i pm romani si sono trovati di fronte a un osso duro. Psicologicamente molto solido, determinato fino all’inverosimile, Scaglia non s’è spostato di un millimetro dalla linea difensiva semplice e radicale che aveva scelto fin dall’inizio: quella della completa estraneità a ogni addebito.

 

Finalmente, dopo 87 giorni, lo hanno rimesso in libertà, anche se con ambiti strettissimi di azione. Ma attorno al suo caso - e purtroppo già meno attorno a quello di Mario Rossetti, che di Scaglia in eBiscom-Fastweb era stato direttore finanziario senza responsabilità personali sulla parte commerciale, su cui s’è concentrata l’inchiesta - è nato finalmente un polverone. Che potrebbe sortire qualche conseguenze politica e legislativa. Già, perché perfino i mille “signori Rossi” estranei alla strana vicenda, ma ad essa incuriositi hanno constatato che:

 

1) I fatti addebitati a Scaglia sono antecedenti alla sua uscita da Fastweb, quindi dopo l’interrogatorio del 2007, l’imprenditore avrebbe avuto tutto il tempo (e le risorse, anche economiche) per tacitare possibili testimoni, inquinare le prove, cancellarle eccetera;

 

2) Quando gli è stato inviato il mandato di arresto, Scaglia - anziché restare dov’era, in un altro continente - ha preferito spontaneamente presentarsi al pm, rientrando in Italia con un volo privato dall’Oriente: che “pericolo di fuga” legittimava una simile, lineare condotta?

 

3) Quanto alla reiterazione del reato, Scaglia non poteva perpetrarla, nemmeno se avesse voluto, perché all’interno dell’azienda dal 2007 non contava più nulla. E nella nuova impresa che dirige, Babelgum, si poteva eventualmente instaurare controlli preventivi, senza per questo far fuori lui…

 

Mancando tutte e tre le condizioni per l’arresto, allora perché? E che gioco nascondeva questa mossa estrema? Pubblicità, sicuramente: perché quello di Scaglia era l’unico nome “altisonante” in un’istruttoria che per il resto, anche in Telecom, coinvolgeva soltanto delle seconde file; e poi pressioni psicologiche.

 

Ora, le questioni aperte sono due: la prima è quella di metodo, sull’abuso della carcerazione preventiva. Scaglia, amato magari da pochi ma noti e stimato da tanti, ha avuto attorno a sé un movimento d’opinione che ha mosso gente come Umberto Eco o Pierluigi Celli, inducendoli a scrivere la loro testimonianza di stima e la loro incredulità sugli addebiti in un blog vivacissimo lanciato on-line poche settimane dopo l’arresto; e c’è poi stata la saggia iniziativa della moglie, Monica, di scrivere una lettera aperta al presidente della Repubblica, invocandone l’intervento chiarificatore, che di fatto c’è stato.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
24/05/2010 - malagiustizia da curare (SOLE ROSSI)

complimenti per l'articolo! Molto interessante anche se il Sig.Scaglia non è il solo ad avere ricevuto "l'ottimo trattamento dalla giustizia italiana!".Nell'inchiesta ci sono altre persone indagate e che purtroppo non hanno la stessa visibilità del Sig.Scaglia (anzi i loro nomi sono stati pubblicati e quindi già giudicati colpevoli da tutti) e che comunque pagano l'onnipotenza e aggressività dei Pm e Gip i quali chissà forse cercano veramente un momento di gloria e di pubblicità, visto che le indagini sono state avviate nel 2007 senza alcun esito. Sicuramente trattenere in custodia cautelare più di 50 indagati senza la possibilità di arresti domiciliari perchè vi è la possibiltà di inquinameto delle prove è un pò strano? Visto che dal 2007 ad oggi c'era tutto il tempo di inquinare le prove..sempre che ce ne fossero? Quindi ora cosa succede.attendere prego.tutte le persone che in questo momento sono grazie ai pm in alberghi a 5 stelle sono lì ad attendere cosa facciano i nostri magistrati o attendono i loro umori mattutini..e intanto le loro famiglie che sempre grazie al loro metodico lavoro (pm,gip)hanno subito la popolarita' mediatica,cambiamenti lavorativi,economici ed emotivi.Cosa faranno il giorno in cui"QUESTA PRATICA",perchè per loro solo questo è,e cosa si sentiranno dire? "stavamo indagando da solo qualche anno?" Morale:loro non pagano eventuali errori,chi era indagato pagherà 2 volte "cornuti e mazziati" Non sarebbe il caso di far provare anche a loro il -5 stelle?

 
24/05/2010 - non esiste solo il sig. scaglia (SOLE ROSSI)

complimenti per l'articolo! Molto interessante anche se il Sig.Scaglia non è il solo ad avere ricevuto "l'ottimo trattamento dalla giustizia italiana!".Nell'inchiesta ci sono altre persone indagate e che purtroppo non hanno la stessa visibilità del Sig.Scaglia (anzi i loro nomi sono stati pubblicati e quindi già giudicati colpevoli da tutti) e che comunque pagano l'onnipotenza e aggressività dei Pm e Gip i quali chissà forse cercano veramente un momento di gloria e di pubblicità, visto che le indagini sono state avviate nel 2007 senza alcun esito. Sicuramente trattenere in custodia cautelare più di 50 indagati senza la possibilità di arresti domiciliari perchè vi è la possibiltà di inquinameto delle prove è un pò strano? Visto che dal 2007 ad oggi c'era tutto il tempo di inquinare le prove..sempre che ce ne fossero? Quindi ora cosa succede.attendere prego.tutte le persone che in questo momento sono grazie ai pm in alberghi a 5 stalle sono lì ad attendere cosa facciano i nostri magistrati o attendono i loro umori mattutini..e intanto le loro famiglie che sempre grazie al loro metodico lavoro (pm,gip)hanno subito la popolarita' mediatica,cambiamenti lavorativi,economici ed emotivi.Cosa faranno il giorno in cui"QUESTA PRATICA",perchè per loro solo questo è,e cosa si sentiranno dire? "stavamo indagando da solo qualche anno?" Morale:loro non pagano eventuali errori,chi era indagato pagherà 2 volte "cornuti e mazziati" Non sarebbe il caso di far provare anche a loro il -5 stalle?