BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ISLAM/ Novara, multa di 500 ad una musulmana. Portava il burqa. Intanto il re arabo si fa fotografare con 20 donne col viso scoperto

burqua_donnaR375.jpg (Foto)

 
L’ODINANZA E’ STATA VAGLIATA DAL MINISTERO DEGLI INTERNI - L’ordinanza che ha portato alla multa da 500 euro alla donna musulmana che indossava il burqa, prima di essere firmata era stata inviata al Ministero degli Interni. Lì ne era stato verificato il contenuto, al quale erano state apportate osservazioni formali. «Il Ministero è entrato negli aspetti puramente tecnici dell'ordinanza limitandone l'applicazione alle scuole, agli ospedali e agli edifici pubblici in genere. Nel caso specifico l'ordinanza verrà applicata proprio perché la donna si trovava all'ufficio postale, cioè in un edificio pubblico» ha dichiarato – il comandante dei vigili urbani.

 

- Se in molti urleranno allo scandalo, paventando il calpestio delle "libertà islamiche" paragonando il burqa - magari - al velo che indossavano le nostre nonne, basta dare uno sguardo a quanto accade nel vicino medio-oriente per rendersi conto della legittimità di un'ordinanza del genere.  Alcuni giorni, infatti, fa i più importanti quotidiani arabi hanno pubblicato in prima pagina una foto, per il Paese, sconvolgente: il re Abdullah e il principe ereditario Sultan Bin Abdel Aziz contornati da circa 20 donne a viso scoperto e sorridenti. La foto è stata scattata a conclusione di un incontro pubblico a svoltosi a Najran, nel sud dell’Arabia. E si tratta di una vera e propria rivoluzione. E’ la prima volta che su un giornale arabo appaiono tante donne a viso scoperto. Stiamo parlando di un Paese dove più del 90 per cento delle donne hanno il volto completamente coperto e – finora –sui giornali erano apparse solamente di schiena o completamente velate. Mai sorridenti. Né, tantomeno, con il re. Il quale, pare, ha dato il via ad una serie di riforme che se portate a segno cambieranno i connotati del Paese.Come l’apertura della prima università araba mista o l’ipotesi di consentire alle donne di diventare avvocato.

© Riproduzione Riservata.