BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SINDACATO/ Licenziata per assenza ingiustificata, ma era in malattia. Sarà reintegrata, licenziato invece il dirigente

lavoratori_R375.jpg(Foto)



Colpisce la totale mancanza di comunicazione fra la donna e i suoi superiori. Una faccenda che si è trascinata per quattro mesi senza alcun punto di contatto…


Questo stupisce, e parecchio. Chi fa diventare routine i rapporti con i propri dipendenti, che sia una impresa o un sindacato, rischia di mettere in moto una macchina che stritola le persone. In questo caso è ancora più appariscente perché c’è di mezzo una organizzazione sindacale. Per il tipo di lavoro che fanno, hanno rapporti molto stretti, non è la grande industria spersonalizzata.

In conclusione?

In conclusione mi viene in mente come talvolta questi fatti rendono evidente come le ideologie mascherano la realtà. Fatti come questo possono avvenire ovunque, ma che certi contratti che vengono contestati come fonte di precarietà vengano poi usati anche dai sindacati, dai partiti e certamente dalle imprese, allora suggerisco che bisognerebbe stare attenti alla realtà. Partire dall’esperienza farebbe bene a tutti.

© Riproduzione Riservata.