BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SCIOPERO TRENI/ Il 9 luglio lo sciopero nazionale di 8 ore delle ferrovie

Per il prossimo 9 luglio previsto uno sciopero delle ferrovie di 8 ore. Lo sciopero delle ferrovie del 9 luglio è stato indetto dai sindacati di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti, Fast Ferrovie e Orsa Ferrovie

sciopero_binariR375_16ott08.jpg(Foto)

Per il prossimo 9 luglio previsto uno sciopero delle ferrovie di 8 ore. Lo sciopero delle ferrovie del 9 luglio è stato indetto dai sindacati di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti, Fast Ferrovie e Orsa Ferrovie

Leggi anche: TERREMOTO SICILIA/ Una scossa di 2,4 gradi colpisce la provincia di Siracusa


Viaggiatori e pendolari il 9 luglio subiranno notevoli disagi. E’ stata proclamata, infatti, una giornata di sciopero nazionale delle ferrovie di 8 ore, dalle 9 alle 17. A indire l’agitazione sindacale, Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti, Fast Ferrovie e Orsa Ferrovie. «Nonostante le trattative si siano prolungate dall'11 marzo scorso per tentare di raggiungere un accordo, il dichiarato ostracismo delle ferrovie in tema di violazioni contrattuali, di accordi nazionali, di accoglimento delle richieste del sindacato per un rilancio complessivo del trasporto su rotaia costringe i lavoratori alla mobilitazione con una prima azione di sciopero»: così ha motivato lo sciopero il segretario generale aggiunto della Fit-Cisl, Giovanni Luciano. «Ci troviamo – ha continuato Luciano - di fronte ad una strategia di continua riduzione dei servizi sull'intero territorio nazionale ed una ancora più accentuata penalizzazione nei collegamenti per tutto il meridione». Secondo il sindacalista si tratta di una «prospettiva inaccettabile sia per i ferrovieri sia per il Paese. Le Fs sembrano concentrare le proprie scarse risorse esclusivamente sull'alta velocità». In tal modo, per Luciano, sono state messe da parte le esigenze di «tutti gli altri segmenti di mercato, dal merci ai collegamenti medio e lunga percorrenza, al servizio universale e al trasporto regionale, prefigurando, invece, ulteriori riduzioni dei servizi con nuovi piani di esodo per 3.500 ferrovieri».

Leggi anche: INCHIESTA/ Tremonti vs. Bersani: qual è la manovra migliore?


.