BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PIETRO TARICONE/ (Video) L’ex mattatore del Grande Fratello vittima di un errore di frenata e della "maledizione" di Maratta

taricone_smutniakR375.jpg (Foto)

 

Se la tendenza rimarrà invariata, quest’anno sarà tristemente ricordato per aver conquistato il primato di annus horribilis degli incidenti avvenuti tra i paracadutisti amatoriali. I dati ufficiali, al momento non sono disponibili. Tuttavia, secondo le informazioni fornite dagli istruttori di volo, sarebbero già 7 i morti a metà anno in un incidente con il paracadute, cifra che supera di gran lunga quell’anno precedente.


Secondo le scuole di volo, la cifra del 2010 supera significativamente quelle degli anni passati. A quanto comunica il sito cadutalibera.it, infatti, le morti registrate in seguito ad un lancio con il paracadute nel 2009, sarebbe solamente 2: la prima, avvenne il 1 gennaio in seguito alla mancata apertura del paracadute; la seconda fu causata, il 3 marzo da un atterraggio con turbolenza. Il primo paracadutista deceduto aveva effettuato più di cento lanci, mentre il secondo era alla sua prima esperienza. 

 

In tutto il mondo, a quanto riferisce la Federazione Internazionale dell'Aviazione, nel 2008 sarebbero stati effettuati circa 5,7 milioni di lanci con il paracadute da 918 mila estimatori di uno tra gli sport più estremi in assoluto. Tra questi, mezzo milione di persone si sarebbero lanciate senza alcuna esperienza, inoltrandosi per la prima volta nel mondo del paracadutismo amatoriale. In tutto, sempre nel 2008, complessivamente ci sarebbero stati nel 2008 70 incidenti mortali, il 16 per cento dei quali causati da problemi avvenuti nel corso dell’ultima fase di atterraggio, con una dinamica simile a quella che ha provocato la morte dell’attore Pietro Taricone.  In particolare, poi, nel 2008 sono state 11 le persone morte per un avvitamento a pochi metri dal suolo, mentre l’11,4 per cento dei decessi riguardava amatori al loro primo lancio.