BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CROCIFISSO/ 1. Cesare Salvi: ecco perché l’Europa individualista non può darci lezioni di diritto

Pubblicazione:mercoledì 30 giugno 2010

corte_europea-diritti2R375.jpg (Foto)

 

Oggi c’è l’udienza della Grande Chambre della Corte europea dei diritti sul ricorso presentato dall’Italia, e da molti stati europei, contro la sentenza di novembre scorso che ha vietato l’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche. Cesare Salvi, giurista, uomo di sinistra, ex vicepresidente del Senato, ha però molte riserve. Sul metodo e sul merito.

 

Professore, può una corte internazionale, ispirandosi alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, prevalere sul nostro ordinamento?

 

In linea di principio le corti sovranazionali hanno il compito di individuare eventuali lacune e limiti esistenti negli ordinamenti nazionali, però in questi anni assistiamo a una tendenza sia da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, sia della Corte europea di giustizia ad esorbitare dai propri compiti. La Corte dei diritti per esempio ha esteso molto i confini e gli ambiti del suo intervento, ma questo crea dei problemi perché non si tratta di un organismo che nasce già con una sua legittimazione nella Costituzione italiana.

 

Secondo lei la Corte dei diritti ha un deficit di legittimità democratica?

 

C’è un deficit nella misura in cui la Corte non si attiene alla garanzia delle libertà fondamentali per la quale è stata istituita, ma tende ad espandere i suoi compiti e a invadere materie che sollevano scelte di discrezionalità.

 

Chi occupa lo spazio del conflitto tra Corti europee e Parlamenti? In altri termini, quali sono i criteri e i valori che rischiano di prevalere nell’azione dei giudici?

 

Le due Corti europee tendono ad assumere una logica di tutela dei diritti individuali senza tener conto né dei corrispondenti doveri, né della necessità di bilanciare i diversi diritti. Da questo punto di vista mi pare che la nostra Costituzione ponga la questione in termini più comprensivi e più ampi.

 

Può fare un esempio?

 

Clicca >> qui sotto per continuare l’intervista

 

 

 


  PAG. SUCC. >