BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FACEBOOK/ Bambini ritrovati, innocenti scagionati, suicidi evitati: i casi più clamorosi, ecco il "lato buono" del social network

Facebook_Monitor_PCR375.jpg (Foto)

 

LA BORSA DEL DESTINO – Il suicidio di una romena annunciato su Facebook è stato sventato grazie al ritrovamento causale della sua borsa in un bar di Roma nel gennaio scorso. Un uomo si è presentato al vicino commissariato, consegnando agli agenti la borsa che la ragazza aveva dimenticato. Pochi minuti dopo ha squillato un telefonino nella borsa e un agente ha risposto. A chiamare era un conoscente della ragazza, che aveva appena letto il suo status di Facebook in cui annunciava l’intenzione di suicidarsi. Gli agenti hanno allora individuato l’abitazione della romena, sfondato la porta e trovato la donna nella vasca da bagno in un lago di sangue, in quanto si era tagliata le vene. Portata al pronto soccorso, la donna è riuscita a salvarsi.

 

LATITANTE IN MANETTE – L’Interpol ha individuato e arrestato a Bahia, in Brasile, un 53enne di Torre del Greco (Napoli), latitante dal 2002. Merito di un monitoraggio su Facebook effettuato dalla polizia postale. L’uomo era fuggito in Sudamerica per scampare alla cattura delle forze dell’ordine in quanto accusato di avere abusato sessualmente della figlia, che all’epoca dei fatti aveva quattro anni. Non contento, il 53enne ha cercato di ricontattare la figlia, oggi 13enne, attraverso Facebook. Ed è stato quindi arrestato.

 

WANTED VIRTUALE – La polizia della Nuova Zelanda nel gennaio 2009 ha diffuso su Facebook le foto e gli spezzoni di video di un ladro che aveva tentato di scassinare la cassaforte di un pub a Queenstown. Il 21enne è stato arrestato grazie alla collaborazione dei navigatori che lo hanno riconosciuto. Dopo essere infatti penetrato con il passamontagna all’interno del locale, se lo era sfilato per il caldo ed era stato ripreso dalle telecamere. E Sean Drader, esperto di servizi segreti della polizia di Queenstown, ha creato una pagina di Facebook, riuscendo così a identificarlo.

 

Leggi anche: SOCIAL NETWORK/ Openbook e Facebookprotest, due siti che manderanno in tilt Facebook?

 

Leggi anche: FACEBOOK/ Ti odio

 

Leggi anche: FACEBOOK / I dieci gruppi shock che fanno impallidire anche il blog “Vi Odio”

 

Leggi anche: TI ODIO/ Un blog dedicato a tutte le cose da odiare. Boom sulla rete: la pagina Facebook ha già 100mila iscritti


 

(Pietro Vernizzi) 

© Riproduzione Riservata.