BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

YOUTUBE ANDREA BOCELLI/ Video – “Ringrazio mia madre che non abortì, contro il parere dei medici”

Pubblicazione:

andreabocelliR375.jpg

IL RACCONTO DI BOCELLI - Andrea Bocelli racconta che i medici consigliarono a sua madre di abortire, che il figlio sarebbe nato con una disabilità. La madre decise di farlo nascere lo stesso e Bocelli, in un video messaggio, lancia un segno si speranza per quelle mamme che, come la sua, si trovano in difficoltà ma vogliono comunque far nascere un bambino.

 

CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON IL VIDEO DI YOUTUBE DEL RACCONTO DI ANDREA BOCELLI


LEGGI ANCHE LE ALTRE NEWS DI CRONACA

 

«Allora per questa occasione ho pensato di raccontarvi una piccola storia. E la storia è questa: una giovane sposa, in stato interessante, è stata ricoverata in ospedale per un semplice attacco di appendicite…». A parlare è Andrea Bocelli. Seduto al pianoforte accompagna le sue parole con la musica. Di fronte a lui la platea. Non ci sono spettatori. Il tenore, in realtà, sta registrando un messaggio. Il destinatario è padre Rick, il prete chirurgo che lavora ad Haiti e da 25 anni cura i bambini. «I medici dovettero applicarle del ghiaccio sulla pancia – continua Bocelli - e, alla fine di questi trattamenti, i medici le consigliarono di abortire il bambino». Racconta il tenore che dissero alla donna «che era la soluzione migliore, perché il bambino sarebbe venuto al mondo con qualche infermità. Ma la giovane e coraggiosa sposa decise di non interrompere la gravidanza e il bambino nacque». Si interrompe. «Quella signora era mia madre e il bambino ero io», rivela. «Sarò di parte, ma posso dirvi che è stata la scelta giusta e credo che questo possa essere di incoraggiamento a altre madri che qualche volta si trovano in momenti di vita difficili, in momenti di vita complicati, ma vogliono salvare la vita del loro bambino». E, alla fine, accenna un canto, dice di averlo dedicato ai propri bambini, ai quali piace tanto. «Voglio vivere così... col sole in fronte...».


Leggi anche: IL CASO/ L’aborto di Rossano Calabro: dove non arriva la 194 può arrivare la misericordia, di G. Amato

 

CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON IL VIDEO DI YOUTUBE DEL RACCONTO DI ANDREA BOCELLI

 



  PAG. SUCC. >