BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

CRISI/ Bagnasco: c’è ancora tanta disoccupazione. La politica adotti il criterio dell’equità economica

bagnasco_R375.jpg(Foto)

Bagnasco, in ogni caso, è preoccupato, e non vede particolari sintomi di cambiamento in positivo. «Per quel che vedo con i miei occhi – ha infatti dichiarato - c'è ancora molta disoccupazione. E non scorgo concreti e sicuri segnali di inversione di tendenza, anche in grandi realtà industriali della mia Genova». In particolare, «serpeggiano tra la gente preoccupazioni serie e pungenti. Non mi riferisco ovviamente a un discorso di macroeconomia per il quale non ho le competenze». In particolare, afferma il porporato, «constato che se gli strateghi possono rassicurare sul medio periodo, ritenendo che la strada giusta sia stata imboccata, come vescovo vedo molta gente senza lavoro». Il che, lo rende «turbato da tanta sofferenza e insicurezza su come arrivare alla fine del mese». Bagnasco ammette che «un certo assestamento c'è stato», ma è stato merito dell'«adattamento delle famiglie che hanno impiegato meglio le risorse ed evitato gli sprechi».

© Riproduzione Riservata.