BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STAR DEL WEB/ Da Jessi Slaughter a Gemma del Sud, Youtube non sempre è talent scout a lieto fine

Pubblicazione:martedì 20 luglio 2010

jessieslaughterR375.jpg (Foto)

Diventare star ai tempi di Youtube. Pochi giorni per raggiungere un successo mondiale e altrettanti per scoprire gli svantaggi della popolarità sul web. Emblematico il caso di Jessi Slaughter, nome d’arte di una ragazzina americana di 11 anni, divenuta vittima di insulti e minacce. Alcuni utenti sono infatti riusciti a risalire ai dati anagrafici, all’indirizzo e al numero di cellulare della minorenne e li hanno diffusi su Internet. Jessica è divenuta popolarissima sul web grazie a una serie di video postati su Youtube. Milioni di visite l’avevano resa una star del web. Finché la sua passione per i Blood on the Dance Floor, una band emo locale, ha scatenato i pettegolezzi delle malelingue. Su Stickydrama un utente ha accusato l’11enne di avere avuto una relazione con il cantante del gruppo. Tanto da convincere Jessi a creare un video per rispondere ai suoi detrattori, accusandoli di essere invidiosi per la sua popolarità e bellezza.

 

IL PADRE FURIBONDO SU YOUTUBE - «Vi spingerò una pistola in bocca e farò poltiglia del vostro cervello», le parole della ragazzina, in preda a una crisi isterica per quelle che riteneva delle cattiverie messe in giro per dispetto. Inutile dirlo, non è stata una buona idea. Le malelingue si sono subito zittite, ma la beffa è passata a un altro livello. Gli hacker di 4Chan.org, community inglese di condivisione di file video, hanno iniziato a utilizzare il vero nome di Slaughter, il numero di telefono, l’indirizzo e gli account sui social network. Diventando davvero implacabili. A quel punto, a complicare una situazione già di per sé difficile, ci si è messo anche il padre della ragazzina. Jessi ha infatti postato un video, in cui appariva in lacrime dicendo che la sua vita era stata rovinata. Dopo di che, il padre spuntava dietro di lei, gridando come un ossesso con un lungo predicozzo che si concludeva con tre frasi, subito diventate un tormentone del web: «Hai preso una cantonata», «le conseguenze non saranno mai le stesse» e «la polizia postale è sulle vostre tracce».

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER PROSEGUIRE LA LETTURA DELL'ARTICOLO SU JESSI SLAUGHTER, GEMMA DEL SUD, JUSTIN BIEBER, WILLWOOSH E MINO FRANCIOSA

 

 


  PAG. SUCC. >