BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PAPA/ Ecco i nemici della Chiesa che "sperano" nello scandalo pedofilia

benedettoxvi_ventoR375.jpg(Foto)

Fuori dagli Usa, invece, i casi di sacerdoti pedofili sono molto meno numerosi; in alcuni paesi abbiamo solo uno o due casi. In tante occasioni abbiamo anche accuse che nel lungo periodo si rivelano fasulle. Ne cito solo alcune: il cardinal Bernardin in America; il cardinal Pell, in Australia; ben 6 vescovi in Irlanda; Nora Wall, prima donna condannata per abuso, sempre in Irlanda, e poi scagionata; recentemente il vescovo Mixa in Germania; in Italia Don Govoni e decine di altri sacerdoti e religiosi, spesso attivi in zone di frontiera, al contatto con tossici, poveri, emarginati, e sottoposti quindi all’odio delle mafie, dei magnaccia…


Ma cosa c’è allora dietro il tentativo di far passare le colpe di singole sacerdoti per colpe collettive della Chiesa? Sicuramente ragioni ideologiche. Non per nulla dietro le accuse, a fomentarle, a promuoverle mediaticamente, a farle girare verticosamente sino a produrre un effetto panico creato ad arte da dubbi moralizzatori, vi sono movimenti abortisti, movimenti gay, cattolici del dissenso, atei incalliti come Dawkinse Hitchens, ex comunisti orfani della loro ideologia, ma ugualmente anticristiani, massoni… Con uno scopo ben chiaro: screditare la Chiesa, perché essa cessi di dire verità scomode nell’era del “vietato vietare”. Se voi violate i bambini, questo è il giochetto esplicito o implicito, come osate dirci che non è umano abortire, manipolare la vita, affittare gli uteri, vendere seme e ovuli, clonare l’uomo…?


Ma il diavolo fa le pentole, non i coperchi: per questo l’attacco mediatico, sovente in malafede, talora finalizzato solamente a vendere e fare scandalo, potrà servire al papa per fare pulizia di tanta “sporcizia” che effettivamente c’è, nella Chiesa come nella società. Ma ogni crisi morale nasce e deriva da una crisi di fede: è quando si perde Cristo, che alcuni sacerdoti perdono anche il senso della loro grande vocazione. E’ dunque dalla crisi di Fede odierna che occorrerà ripartire.

© Riproduzione Riservata.