BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

WIKILEAKS/ Viroli: il governo la ritiene un pericolo. Ma farebbe mai una “Legge bavaglio”

giornali_pacco2R375.jpg (Foto)


Secondo il docente, il files divulgati da Wikileaks determineranno un cambiamento della percezione, da parte degli americani, della guerra i Afghanistan. «Obama ha basato la sua politica estera su due presupposti: andare via dall’Iraq e portare a termine l’operazione in Afghanistan. Le informazioni segrete diffuse oggi fanno emergere che questo obiettivo è difficile da raggiungere». In ogni caso, per Viroli, Obama è giustificabile: «questo può avere spinto l’attuale amministrazione a non divulgare certi documenti». Le colpe più gravi, quindi, sarebbero di Bush: «ha cercato in tutti i modi di giustificare la guerra totale al terrorismo, forzando i limiti costituzionali. Se quanto è stato pubblicato oggi proverà che qualcuno ha commesso degli errori, Obama dovrà punirlo con severità». 

© Riproduzione Riservata.