BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

INFANTICIDIO IN FRANCIA/ (Video) Sotto l’insalata e i pomodori scoperti i resti di otto neonati

Le indagini della polizia francese Le indagini della polizia francese

 

L’OPINIONE DEL CRIMINOLOGO - «Considerato il triste periodo di tensione sociale che sta investendo l’Europa - atti del genere si sono già verificati in Italia, Germania e Inghilterra - siamo in una condizione di suicidio anomico, come direbbe Durkheim», ha dichiarato il sociologo e criminologo Salvatore Licata. «E’ una situazione - ha aggiunto - in cui gli individui, ma la famiglia in particolare, davanti a questa sorta di disgregazione sociale, causata dalla crisi economica, politica e sociale, tendono a rinchiudersi in se stessi». Secondo il criminologo, «se davanti alla crisi economica degli anni ’90 ci fu il boom dei divorzi, adesso la situazione è diventata spaventosa. Tale disgregazione si evidenzia con i divorzi piuttosto che con la difficoltà dei giovani di aggregarsi in forme sane, e non addizionate da sostanze come droga e alcool. O con episodi come quello accaduto in Francia».

 

La crisi e la disgregazione sociale, quindi, sono alla base di tali efferatezze. Ma anche un perdita significativa di valori. «I figli non sono considerati soggetti, ma oggetti del contendere», spiega Licata. «Viviamo una fase in cui, specie per le giovani famiglie, che basano la loro esistenza su principi edonistici, nel momento in cui entrano in crisi e sono davanti a dei possibili cambiamenti, la loro identità viene totalmente annullata, e possono far danni, nei confronti di se stessi come degli altri». Ecco cosa accade, a livello psicologico: « Nel momento in cui un’identità esteriore entra in crisi, non c’è un identità interiore solida che possa reggere il cambiamento. Sul piano affettivo, nel momento in cui io inglobo mio figlio, posso ucciderlo come posso uccidere me stesso».

 

CLICCA QUI O SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER GUARDARE IL VIDEO SUL GIARDINO DEGLI ORRORI