BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIAGGI NEL TEMPO/ Zichichi: ho dimostrato che per le particelle è possibile, ma non per noi. E su Dio vi dico che...

Pubblicazione:

Il prof. Antonino Zichichi (Foto: Ansa)  Il prof. Antonino Zichichi (Foto: Ansa)

 

Eppure molti scienziati oggi sono disponibili a credere alla macchina del tempo, ma quando si parla di fede storcono il naso…

 

Sì, ma tutti i giganti della scienza sono sempre stati credenti. La fisica studia la componente immanente della nostra esistenza, mentre la fede riguarda l’aspetto trascendente. L’ateismo dice che quest’ultimo non esiste, ma non lo sa dimostrare. Che la scienza non possa essere in contrasto con la fede, lo rivela il modo in cui è nata la fisica. Cioè dal pensiero di Galileo Galilei, che ha lasciato scritto: «Colui che ha fatto il mondo è più intelligente di tutti, filosofi, matematici e fisici messi insieme. E l’unico modo per sapere come ha fatto a crearlo è porgli delle domande». Quando Galileo ha scoperto la scienza non c’erano telefonini, radio e satelliti.

 

Ma anche oggi che abbiamo potenti mezzi di comunicazione, abbiamo raggiunto la luna e siamo in grado di esplorare l’intero universo, come mai noi non riusciamo a vedere Dio? «Perché Dio non esiste», dicono gli atei. Ma la sfera trascendente non può obbedire alle stesse leggi della materia. Quando tra cinque miliardi di anni il sole si spegnerà, il trascendente sarà ancora tutto lì e rimarrà invariato, perché si trova al di fuori del tempo.

 

Ma non teme che, facendo queste affermazioni, la si accusi di avere dimenticato di essere uno scienziato?

 

Al contrario, io posso affermare tutto questo proprio grazie alla scienza. Se non fosse per la fisica, io non riuscirei a convincere il mio amico ateo che esiste una logica che regge il mondo. Se c’è qualcosa che può mettere in crisi l’ateismo è l’esistenza di questa logica. Chi la nega, contraddice la scienza. Se non esistesse questa logica io sarei disoccupato. E invece no, sono occupatissimo, nel tentativo di comprendere le conseguenze di questa logica. Mentre se fossimo figli del caos allora avrebbero ragione i miei amici atei.

 

Il messaggio della scienza è che c’è una logica, e se c’è allora ci deve essere anche un Autore. Coloro che negano l’esistenza dell’Autore sono in contraddizione logica. L’ateismo quindi è atto di fede nel nulla, non è un atto di ragione.

 

 

Leggi anche: SPAZIO/ In un disco il segreto della nascita delle stelle massicce, di L. Ricci

 

Leggi anche: ESCLUSIVA/ Creamer (NASA): "esploratori aperti all'infinito", così ho vissuto sei mesi sulla Stazione Spaziale

 

Leggi anche: SPAZIO/ Quando la matematica conta le stelle e ci rivela il linguaggio di Dio, di M. Gargantini

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
17/08/2010 - com'è grande Dio (massimo altobelli)

Sono appassionatissimo di questi temi e ringrazio il prof. Zichichi che seguo da sempre con grande stima. Di sicuro c'è ancora tanto da scoprire sull'universo in generale e sull'uomo in particolare. Sono convinto, come Zichichi, che man mano che la ricerca avanza si scopre sempre di più che c'è una logica alla base di tutto l'esistente. Qualcuno, ora non ricordo chi, parla addirittura di una "musica" che sottende a tutto il processo creativo o evolutivo che dir si voglia...A me piace pensare che Dio ci ama a tal punto che ha fatto in modo da ideare un grande spartito con una musica in crescendo che raggiunge il culmine con la creazione dell'uomo, il capolavoro di Dio. Che ve ne pare?

 
30/07/2010 - Zichichi ha ragione. (claudia mazzola)

Ho letto con fatica ma mi è piaciuto tanto. Oggo io sono a Brescia e da qui vi ringrazio, perchè con questa intervista sono riuscita a mettere un pò d'ordine nel mio cervello, logico!